Truffe su internet i Carabinieri di Cortina denunciano 3 persone

Truffe su internet i Carabinieri di Cortina denunciano 3 persone

A conclusione di tre differenti attività d’indagine che hanno recentemente coinvolto la Compagnia di Cortina, sono stati identificati e deferiti alle competenti Autorità Giudiziarie tre esperti truffatori della rete, sempre più impegnati ed avvezzi a sfruttare in maniera delinquenziale l’incremento nelle transazioni di beni e servizi su internet.
In un primo caso a finire nel mirino della Stazione di San Vito di Cadore è stato un quarantacinquenne cosentino con precedenti specifici, il quale aveva convinto un ignaro sanvitese a versare su una carta prepagata Postepay la somma di euro 180,00 per l’acquisto di una console Playstation 4 usata, ovviamente mai spedita alla vittima di turno. In seguito all’individuazione del malfattore, come accade di consueto, è poi emerso che lo stesso è contemporaneamente indagato da altri comandi dell’Arma per analoghi fatti commessi in danno di utenti della rete sparsi in varie località del territorio italiano. La stessa Playstation 4, tra l’altro, era già stata “venduta” almeno due volte.
Ma sulle bacheche online ultimamente si trattano anche auto di lusso che, per quanto usate, forse sarebbe più opportuno acquistare in concessionaria. È il caso di un turista napoletano che aveva denunciato sempre alla Stazione di San Vito di essere stato truffato nell’ambito di una trattativa avvenuta sul sito www.subito.it per l’acquisto di una bella Porsche 911. L’auto era stata messa in vendita alla cifra invogliante di 8.400 euro e la vittima, per assicurarsi il diritto di prelazione sull’affare, non aveva esitato ad effettuare un bonifico bancario di 500 euro sul conto indicato dal truffatore. Pagato quanto pattuito, l’affabile venditore si è reso irreperibile ad ogni tentativo di essere contattato, non prima ovviamente di avere incassato il denaro e svuotato il conto. Le attività d’indagine, sempre di particolare complessità in questi casi per le numerose possibilità che hanno i truffatori di celarsi tra le maglie della rete informatica, hanno permesso ai militari sanvitesi di identificare l’autore della truffa in un sessantenne della provincia di Napoli, già noto all’Arma campana per simili episodi.
L’ultimo caso è invece un classico di stagione che ha visto impegnata la Stazione di Cortina d’Ampezzo, trattandosi infatti della falsa locazione per le festività di fine anno di un appartamento nel centro ampezzano. L’esca stavolta era stata lanciata sul sito www.airbnb.com che, diversamente dalle classiche bacheche di annunci, opera un minimo di controllo sulle inserzioni e, per tale ragione, garantisce in determinati casi le transazioni che avvengono sulla piattaforma online. Il truffatore, però, dopo aver attirato una quarantacinquenne ferrarese interessata all’appartamento di via Pecol, l’ha convinta a concludere la trattativa in forma privata, promettendo un ulteriore sconto sulla cifra finale con la scusa che così non avrebbero dovuto riservare alcuna provvigione al sito di vacanze. Dopo aver pagato in due soluzioni una cifra complessiva di 450 euro, la famiglia di Ferrara ha dovuto fare la triste scoperta all’arrivo a Cortina, quando all’indirizzo indicato non c’era nessuno ad aspettarli. Inutile citofonare ai campanelli, lì non c’era nessun appartamento in affitto. Da via Pecol il gruppo si è quindi spostato in via Guide Alpine per denunciare quanto accaduto ai carabinieri. Dopo le necessarie indagini l’Arma è quindi arrivata ad un cinquantacinquenne della provincia di Napoli, anche lui esperto del “settore” ed appassionato di montagna, in passato infatti era già stato denunciato per avere messo in affitto falsi appartamenti a Livigno.
Alla luce del fatto che il fenomeno criminale non accenna a diminuire, appare opportuno ripetere le solite raccomandazioni di massima: attenzione nel condurre trattative sui siti online, soprattutto su quelli ideati come semplici bacheche di annunci virtuali, dove i gestori non sono responsabili del contenuto delle singole inserzioni, chiedendo sempre maggiori garanzie, evitando annunci poco chiari e denunciando sempre alle forze di polizia i comportamenti ritenuti illeciti. Se per quanto concerne le offerte di vendita di beni usati le possibilità di verifica sono minori, in relazione agli appartamenti in affitto gli utenti possono disporre di qualche strumento in più: richiesta di invio di foto aggiuntive, possibilità di visitare l’appartamento prima di concludere l’affare, verifica con applicativi online quali StreetView che l’indirizzo dell’abitazione corrisponda alle foto dell’annuncio, verifica su siti di annunci alternativi che lo stesso indirizzo con le medesime foto non sia presente con nominativi di referenti diversi e diversi numeri di conto, eseguire ricerche sui social network sul conto dei proponenti, verificare l’attendibilità dei siti ove la proposta è presentata, contattare gli uffici del turismo presenti nelle principali località, etc..

Maggiore Cristiano Rocchi
Compagnia Carabinieri di Cortina d’Ampezzo

logo

Related posts

CADE DAL SENTIERO E PERDE LA VITA A ROCCA PIETORE

CADE DAL SENTIERO E PERDE LA VITA A ROCCA PIETORE

Rocca Pietore (BL), 15 - 07 - 20 Alle 10.20 circa la Centrale del 118 è stata allertata per un escursionista caduto dal sentiero che dal Rifugio Padon sale al Bivacco Bontadini. L'uomo, che si trovava con altre persone, ha perso l'equilibrio iniziando a ruzzolare sul ripido pendio erboso e si è...

MANCATO RIENTRO, TROVATA SENZA VITA ESCURSIONISTA DI RAVENNA

MANCATO RIENTRO, TROVATA SENZA VITA ESCURSIONISTA DI RAVENNA

COMUNICATO STAMPA È stato rinvenuto all'alba il corpo senza vita dell'eacursionista ravennate, per il cui mancato rientro ieri sera erano partite le ricerche sul Monte Coppolo. M.C.Z., 54 anni, di Ravenna, era partita in mattinata e aveva mandato le ultime foto al compagno dalla cima del...

Come prevenire le patologie da zecche

Come prevenire le patologie da zecche

Zecche: conoscerle per evitarle. L’Ospedale San Martino di Belluno è Centro di riferimento per le patologie trasmesse da zecche. Ecco alcuni consigli per prevenire le patologie da zecche Come ridurre il rischio di morso da zecca? Comportamenti virtuosi possono ridurre il rischio di morso di...

RECUPERATI ESCURSIONISTI SULLA FERRATA ALLEGHESI

RECUPERATI ESCURSIONISTI SULLA FERRATA ALLEGHESI

Val di Zoldo (BL) Attorno alle 18 di ieri, lunedì 13 luglio, è scattato l'allarme per una coppia di escursionisti che, ormai quasi alla fine della Ferrata degli Alleghesi in Civetta, aveva trovato neve e, anche per la presenza di nebbia, non sapeva come proseguire. Ai due, trentenni di Chioggia...

La Polizia Provinciale interviene per un lupo investito sulla Statale 50

La Polizia Provinciale interviene per un lupo investito sulla Statale 50

La Polizia Provinciale ha provveduto questa mattina al recupero della carcassa di un lupo, lungo la Statale 50. L’animale è stato investito da un’auto di passaggio attorno alle 5.30, all’altezza di Fonzaso (in località Case Balzan). La dinamica dell’investimento è al vaglio, e gli agenti...

NASCE LA SMART WORKING HOLIDAY CORTINA DOLOMITI

NASCE LA SMART WORKING HOLIDAY CORTINA DOLOMITI

COMUNICATO STAMPA CORTINA MARKETING Alzare gli occhi dallo schermo e vedere le Dolomiti Patrimonio UNESCO; togliere gli auricolari dall'ultima riunione e sentire il rumore del vento tra gli alberi; un pranzo che diventa vera pausa con il sapore e il gusto della cucina di Cortina e il...

Cortina mette tutti in rete: proseguono i lavori per la realizzazione della banda larga

Cortina mette tutti in rete: proseguono i lavori per la realizzazione della banda larga

COMUNICATO STAMPA CORTINA MARKETING CORTINA METTE TUTTI IN RETE Proseguono i lavori a Cortina per la realizzazione della banda larga. Uno dei tanti progetti che l'amministrazione comunale ha messo in cantiere per promuovere il territorio e offrire alla comunità e alle imprese servizi...

INTERVENTI IN MONTAGNA DI  IERI SERA 12 LUGLIO 2020

INTERVENTI IN MONTAGNA DI IERI SERA 12 LUGLIO 2020

COMUNICATO STAMPA Ieri sera attorno alle 21 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Val di Zoldo per una coppia di escursionisti incrodati in Civetta. I due trentenni, lei di Padova, lui di Ferrara, erano saliti per la Ferrata Tissi, per poi scendere lungo la normale, ma...

Interventi di oggi 12 luglio 2020 del Soccorso Alpino

Interventi di oggi 12 luglio 2020 del Soccorso Alpino

Alle 10.20 circa il Soccorso alpino di Pieve di Cadore è stato inviato dalla Centrale del 118, in supporto all'ambulanza, lungo il sentiero tra il Roccolo e il cimitero di Sottocastello, dove un dodicenne di Pieve di Cadore era caduto in bici, riportando un probabile trauma al torace. Il ragazzo...