SITUAZIONE MONTESSORI. L’INTERVENTO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

SITUAZIONE MONTESSORI. L’INTERVENTO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

L’Amministrazione comunale di Cortina d’Ampezzo, interviene in una nota, sulle problematiche inerenti il Centro Montessori Facciamo un Nido di Zuel.

Di seguito riportiamo il comunicato stampa dell’Amministrazione comunale.

«L’amministrazione Comunale, non appena insediatasi, tra le molte questioni, ha preso in mano anche le problematiche inerenti il Centro Montessori Facciamo un Nido di Zuel. Da un lato la lodevole e storica iniziativa di un’associazione privata che ha avviato da anni un servizio importante nel territorio comunale, dall’altro un lascito di fatti ed atti amministrativi che andavano ripresi uno ad uno nello spirito del corretto agire amministrativo. Il faro è stato sempre stato quello di tutelare i bimbi, le famiglie, seppur all’interno, di un quadro normativo ben definito e in gran parte complicato da diverse scelte di coloro che se ne erano occupati in precedenza, sia dal lato dell’associazione che da quello dell’Amministrazione. In un contesto così difficile assumere gli atti idonei non è stata una partita semplice, soprattutto perché i necessari e doverosi meccanismi dell’agire della Pubblica Amministrazione sono spesso materia ostica per i privati, che faticano a comprendere che il volere e i desideri umani possono trovare luogo solo se conformi al corretto agire dell’Amministrazione. L’uso intensivo dei social non ha fatto altro che generare confusione e false rappresentazioni di una realtà inesistente.

L’Amministrazione ormai da tempo ha tentato di indicare all’Associazione Facciamo un Nido la strada corretta per risolvere al meglio l’intricata vicenda; ciò anche alla luce del fatto che essa dura purtroppo da molti anni, precedenti all’insediamento di questa Amministrazione, ed è stata complicata dall’esito contraddittorio delle azioni legali che l’Associazione ha voluto intentare contro il Comune, convinta delle sue ragioni, a dispetto di plurime e plurime valutazioni di segno diverso. Poiché l’Amministrazione si muove con atti, provvedimenti e nel rispetto delle sentenze, oggi va necessariamente preso atto di quanto stabilito dalla Seconda Sezione Civile della Corte d’Appello di Venezia. Essa infatti dapprima con provvedimento d’urgenza e, poi, con ordinanza, ha deciso, di sospendere l’efficacia esecutiva della sentenza di primo grado del Tribunale di Belluno che era stata ritenuta la dimostrazione delle ragioni dell’Associazione. A ben vedere già la Sentenza di primo grado, letta in modo oggettivo, aveva chiaramente stabilito che la permanenza dell’associazione nell’immobile comunale era priva di un titolo legittimo, con dirette conseguenze sull’erogazione dei contributi e sulla congruità del “canone”. È pertanto sufficiente affermare che la Corte d’Appello ha rilevato un “consistente fumus” vale a dire il verosimile fondamento delle ragioni dell’appello che il Comune ha dovuto presentare e, sebbene in via sommaria e preliminare, ha riconosciuto un fondamento a tutti quegli argomenti di legittimità che il Comune aveva già posto direttamente all’Associazione in via non contenziosa per indicare la corretta soluzione. Dunque la Sentenza di Belluno, il cui esito è stato preso per definitivo dall’associazione, non è, in realtà, oggi eseguibile poiché, i Giudici di Secondo grado hanno riconosciuto né potrebbe derivare un danno grave ed irreparabile per il Patrimonio Pubblico.

È dunque importante che l’Associazione e tutti i Cittadini siano a conoscenza che l’appello, ancor più oggi che è nota questa seppur provvisoria pronuncia, è stato un atto necessario a tutela dell’interesse pubblico, del pari dell’azione di liberazione dei locali. Dove gli atti, dovuti e vincolati non arrivano, è sempre arrivata la buona fede e buona volontà dei dipendenti comunali e dell’Amministrazione che ancora oggi si è fatta parte diligente con il Parroco Decano per offrire nuovamente ai bambini ed alle maestre la continuità dell’attività, consapevole del valore di ogni iniziativa benemerita, al di là delle scelte non sempre azzeccate del Direttivo. Quindi l’Amministrazione è sempre di tutti e per tutti, sempre aperta a soluzioni nell’interesse dei cittadini, al servizio della comunità con i precisi limiti, tuttavia, del rispetto della legge».

logo

Related posts

A CORTINA D’AMPEZZO IL CONVEGNO ‘SPORT È SCUOLA. VERSO I GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026’

A CORTINA D’AMPEZZO IL CONVEGNO ‘SPORT È SCUOLA. VERSO I GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026’

“I Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Milano Cortina 2026 rappresentano un’occasione per far conoscere al mondo intero le bellezze del Veneto, ma soprattutto per creare nuove opportunità di lavoro e di crescita per i nostri giovani. Lo sport è educazione, occasione di sviluppo e...

SABATO 9 MARZO “LUCIO INCONTRA LUCIO”: SEBASTIANO SOMMA PORTA IN SCENA UN “INCONTRO IMPOSSIBILE” A CORTINATEATRO

SABATO 9 MARZO “LUCIO INCONTRA LUCIO”: SEBASTIANO SOMMA PORTA IN SCENA UN “INCONTRO IMPOSSIBILE” A CORTINATEATRO

CortinAteatro, la stagione concertistica e teatrale promossa e sostenuta dal Comune di Cortina d’Ampezzo, ideata e coordinata dall’associazione Musincantus, prosegue tra teatro e musica: sabato 9 marzo alle 20.45 all’Alexander Girardi Hall si potrà assistere allo spettacolo – concerto “Lucio...

CORTINA. MINACCE A LORENZI: IL CAPOGRUPPO ZISA ESPRIME SOLIDARIETA’

CORTINA. MINACCE A LORENZI: IL CAPOGRUPPO ZISA ESPRIME SOLIDARIETA’

Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianluca Lorenzi, ha ricevuto in municipio una lettera anonima con minacce di morte. “Se vai avanti con la pista da bob, ti facciamo fuori”. Questa la minaccia indirizzata a Lorenzi che ha sporto denuncia. Nel “Giornale delle Dolomiti”, intervistato da...

MINACCE DI MORTE AL SINDACO DI CORTINA GIANLUCA LORENZI.  NUMEROSI I MESSAGGI DI SOLIDARIETA’

MINACCE DI MORTE AL SINDACO DI CORTINA GIANLUCA LORENZI. NUMEROSI I MESSAGGI DI SOLIDARIETA'

Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianluca Lorenzi ha ricevuto in municipio una lettera anonima con minacce di morte. “Se vai avanti con la pista da bob, ti facciamo fuori”. Questa la minaccia indirizzata a Lorenzi che ha sporto denuncia. Numerosi i messaggi di solidarietà che arrivano a...

Milano Cortina 2026: Sliding Centre, saranno piantati oltre 10 mila nuovi alberi, 12 per ciascuno tagliato

Milano Cortina 2026: Sliding Centre, saranno piantati oltre 10 mila nuovi alberi, 12 per ciascuno tagliato

Sono terminate nei giorni scorsi le operazioni di taglio e risanamento boschivo nell’area del Ronco a Cortina d'Ampezzo interessata dalla realizzazione dell’intervento ‘Riqualificazione della Pista Eugenio Monti a Cortina d’Ampezzo (BL), Lotto 2 - Cortina Sliding Centre’, opera connessa allo...

VALANGA IN PISTA AD ARABBA, NESSUNA PERSONA SEPOLTA

VALANGA IN PISTA AD ARABBA, NESSUNA PERSONA SEPOLTA

Livinallongo del Col di Lana (BL), 28 - 02 - 24 Attorno alle 12.30 la Centrale del Suem 118 è stata attivata per una valanga caduta sulla pista Salere a Porta Vescovo. Sul posto era presente un soccorritore della Stazione di Livinallongo, che informava del coinvolgimento di due sciatori...

LUNEDÌ A CORTINA D’AMPEZZO IL CONVEGNO ‘SPORT È SCUOLA. VERSO I GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026’

LUNEDÌ A CORTINA D’AMPEZZO IL CONVEGNO ‘SPORT È SCUOLA. VERSO I GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026’

L’importanza dello sport praticato a scuola in qualsiasi ciclo di istruzione sarà al centro del convegno “Sport è scuola” in programma lunedì 4 marzo dalle ore 9 alle 13 al centro polifunzionale Alexander Girardi Hall, in via Marangoni 1, a Cortina D’Ampezzo (BL). L’iniziativa, promossa...

BORGO VALBELLUNA, INCIDENTE TRA UN MEZZO PESANTE E DUE AUTO: NESSUNA PERSONA FERITA

BORGO VALBELLUNA, INCIDENTE TRA UN MEZZO PESANTE E DUE AUTO: NESSUNA PERSONA FERITA

Da poco dopo le 11:30, di martedì 27 febbraio, i Vigili del fuoco stanno operando lungo la SP 1 nel comune di Borgo Valbelluna, in prossimità del ponte di Busche per un incidente tra un autoarticolato e due auto: nessuna persona. La strada è completamente bloccata. I Vigili del fuoco...

Più spazio per le scuole superiori di Cortina, la Provincia prende la sede della Zardini

Più spazio per le scuole superiori di Cortina, la Provincia prende la sede della Zardini

Spazi più ampi per le scuole superiori di Cortina. La Provincia prenderà in gestione tutto l’edificio della vecchia scuola media Zardini, di proprietà comunale. La convenzione con il Comune di Cortina è pronta e diventerà pienamente efficace dopo ratifica da parte del consiglio provinciale...