DOMENICA MILANO CORTINA 2026 RICEVERÀ LA BANDIERA OLIMPICA

DOMENICA MILANO CORTINA 2026 RICEVERÀ LA BANDIERA OLIMPICA

Milano Cortina 2026, domenica 20, sarà al centro della scena dopo la conclusione dei Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022. Durante la Cerimonia di Chiusura, a
nome della Fondazione Milano Cortina 2026, i sindaci di Milano, Giuseppe Sala, e di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, riceveranno la bandiera Olimpica e l’investitura ufficiale di
Comitato Organizzatore dei prossimi Giochi Olimpici Invernali.
Il Presidente del CONI e della Fondazione Milano Cortina 2026, Giovanni Malagò, i sindaci delle due Città, e il CEO della Fondazione, Vincenzo Novari, incontrando i media accreditati, hanno presentato
i progressi compiuti dal Comitato Organizzatore e raccontato il segmento del Flag Handover all’interno della Cerimonia di Chiusura dei Giochi di Beijing 2022. Presente, insieme alla delegazione italiana, anche il Milano Cortina 2026 Flag Handover Creative Director, Marco Balich, che firma il segmento di spettacolo dedicato ai Giochi invernali italiani. Le Olimpiadi di Milano Cortina 2026 sono le prime al mondo ad essere assegnate a due città insieme: Milano e Cortina. L’evento, ovviamente, coinvolgerà anche due Regioni, Lombardia e Veneto, e due Province Autonome, Trento e Bolzano, su un territorio di oltre 22.000 km2 complessivi. Sono questi gli elementi che incarnano anime apparentemente distinte, ma complementari: la città e la montagna. Il dualismo di queste realtà sarà infatti il tema portante del momento del Flag Handover: un dialogo armonico che traccia una via per un futuro più sostenibile, celebrando i valori Olimpici e il potere dello sport che unisce e supera le differenze. L’obiettivo è di celebrare l’armonia che lega questi territori, città e montagna, in costante dialogo tra loro.

“In queste occasioni brilla più che mai l’orgoglio di essere italiani – ha commentato il Presidente Malagò. Domenica sera vivremo un momento estremamente importante per la storia dello Sport e del Paese. Abbiamo saputo convincere i nostri amici del Comitato Olimpico Internazionale con un progetto nuovo e avvincente, fondato sulle eccellenze dei nostri territori, delle persone che li vivono, e della simpatia ed efficienza che noi italiani siamo in grado di esprimere. Li abbiamo convinti perché abbiamo saputo fare squadra. Domenica lo Stadio Bird Nest di Beijing si vestirà del tricolore
e la nostra Road to the Games potrà ufficialmente iniziare”.

Il Sindaco Beppe Sala ha dichiarato: “Milano è un punto di riferimento internazionale, un biglietto da visita per l’Italia nel mondo. La Città ha già dimostrato di saper gestire i grandi eventi come con Expo 2015
e domani, insieme ai miei compagni di viaggio e alla delegazione della Fondazione Milano Cortina presente a Pechino, riceverò la bandiera Olimpica. Sono molto emozionato e, allo stesso tempo, fiero e orgoglioso di aver assistito alla nascita di questo meraviglioso progetto. Ora tocca a noi. Al nostro impegno. Alla nostra fatica. Alla nostra gioia. Al nostro essere italiani”.

“La Regina delle Dolomiti, riconosciuta nel mondo per la straordinaria unicità delle montagne che la incoronano, tra quattro anni vivrà la realizzazione di un sogno – dichiara Gianpietro Ghedina – le Olimpiadi torneranno a Cortina d’Ampezzo dopo l’edizione del 1956, la prima in Italia. È un sogno che stiamo costruendo insieme con impegno e dedizione, un progetto di rilancio e innovazione con al centro la sostenibilità degli interventi e la delicatezza e bellezza del nostro territorio. Cortina, in più occasioni, ha saputo stupire con tutto ciò che il mondo ci ammira: la capacità di vivere in armonia con l’ambiente e di farne la propria forza. Con questo spirito si presenta al mondo come emblema dei valori dello sport e di rinascita per il Paese. Con l’investitura della bandiera entriamo nel futuro: apriamo ufficialmente le porte al più importante evento sportivo invernale internazionale”.

“We are next! I prossimi saremo noi – conclude Vincenzo Novari, CEO della Fondazione Milano Cortina 2026. Questo è il clima che respiriamo in Fondazione ormai da diverse settimane. Ci siamo, finalmente. Fra qualche settimana cominceremo ad annunciare le aziende che hanno già abbracciato il progetto di Milano Cortina e con l’arrivo della bandiera anche la risposta del sistema Italia potrà fare uno scatto in avanti ulteriore. Alle imprese, al mondo dell’Università, alle tante eccellenze italiane stiamo offrendo un palcoscenico e delle opportunità di crescita uniche: le Olimpiadi che tornano in Europa, un mondo libero dalla pandemia, lo showcasing di nuove
tecnologie e livelli di engagement che nessun altro evento al mondo può creare”.

Marco Balich presentando la parte della Cerimonia di Chiusura dedicata al Flag Handover ha aggiunto: “Siamo molto felici e orgogliosi di contribuire ancora una volta, con la nostra professionalità, ad una cerimonia Olimpica. Ed è un onore ancora più grande perché quest’anno la bandiera, a distanza di 20 anni da Salt Lake City, torna in Italia. Abbiamo cercato di fare del nostro meglio per trasmettere il senso profondo del “Duality, Together” che sottende tutta l’esperienza di Milano Cortina 2026. La celebrazione dell’incontro tra due realtà, città e montagna, su cui il nostro Paese ha saputo costruire la propria eccellenza ed unicità”.

logo

Related posts

La Sportiva Lavaredo Ultra Trail by UTMB – A Cortina è sold out.

La Sportiva Lavaredo Ultra Trail by UTMB - A Cortina è sold out.

È sold out per l’edizione 2022 di La Sportiva Lavaredo Ultra Trail by UTMB®, manifestazione di riferimento assoluto nel calendario degli eventi dedicati alla corsa in natura. Dopo lo stop del 2020 e dopo essere ripartito nel 2021 con oltre 4mila iscritti, quest’anno l’evento che si svolge...

In City Golf a Cortina d’Ampezzo

In City Golf a Cortina d'Ampezzo

Cortina d’Ampezzo, dal 29 al 30 luglio 2022, è pronta a trasformarsi in un vero e proprio campo da golf diffuso, a 18 buche. La località diventa tappa di In City Golf, il tour sportivo che porta ogni anno il golf nel cuore delle capitali europee e delle città d’arte e turistiche più...

RICERCA SUL TORRENTE MAÈ, RITROVATO SENZA VITA

RICERCA SUL TORRENTE MAÈ, RITROVATO SENZA VITA

Longarone (BL), 18 - 05 - 22 È stato ritrovato nella gola del Maè, 150 metri circa a valle della passerella di Igne, il corpo senza vita di R.R., 47 anni, di Belluno, le cui ricerche erano partite ieri, a seguito del rinvenimento della sua auto parcheggiata nei pressi del ponticello sospeso. Al...

DA IERI SI CERCA UN UOMO LUNGO IL MAÈ

DA IERI SI CERCA UN UOMO LUNGO IL MAÈ

Longarone (BL), 18 - 05 - 22 Ieri attorno alle 18 è scattato l'allarme per avviare la ricerca di un uomo, R.R., 47 anni, di Belluno, uscito da lavoro attorno alle 13 e non rientrato, la cui auto è stata ritrovata parcheggiata nei della passerella di Igne. Le perlustrazioni da parte del...

MARIA DE FILIPPI AMBASSADOR DI MILANO CORTINA 2026

MARIA DE FILIPPI AMBASSADOR DI MILANO CORTINA 2026

Nel corso della finalissima della 21esima edizione di Amici, Maria De Filippi è stata nominata Ambassador dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano Cortina 2026. L’investitura è il naturale riconoscimento per una grande appassionata di sport invernali che ha immediatamente accettato di...

AURONZO: RITROVATO SENZA VITA L’UOMO DISPERSO DA IERI

AURONZO: RITROVATO SENZA VITA L'UOMO DISPERSO DA IERI

È stato purtroppo ritrovato senza vita G.D.S., 78 anni, di Auronzo di Cadore (BL), che ieri mattina era uscito di casa per una consueta camminata senza più fare ritorno. Questa mattina una cinquantina di persone hanno proseguito le ricerche avviate una volta scattato l'allarme è una squadra...

RESTA INCRODATO PER FOTOGRAFARE LE TRE CIME DI LAVAREDO

RESTA INCRODATO PER FOTOGRAFARE LE TRE CIME DI LAVAREDO

Alle 16.15 di ieri, domenica 15 maggio, la Centrale del Suem è stata allertata da un escursionista in difficoltà sul Paterno. Partito dal Rifugio Auronzo con l'intenzione di fotografare le pareti nord delle Tre Cime di Lavaredo attraverso uno dei fori delle gallerie del Paterno, l'uomo diceva...

Escursionista muore colto da malore ad Auronzo di Cadore

Escursionista muore colto da malore ad Auronzo di Cadore

Questa mattina verso le 11, la Centrale del Suem è stata allertata per un escursionista colto da malore, lungo la strada che sale al Rifugio Auronzo sotto le Tre Cime di Lavaredo. L'uomo, G.T.R., 65 anni, cittadino tedesco, che procedeva da solo, si era all'improvviso accasciato a terra...

PRECIPITA DAL PICCO DI RODA E PERDE LA VITA A PIEVE DI CADORE

PRECIPITA DAL PICCO DI RODA E PERDE LA VITA A PIEVE DI CADORE

Attorno alle 14 il 118 ha risposto alla telefonata di un escursionista, che diceva di essere caduto dal Picco di Roda, di essersi fatto male e che stava scivolando. L'uomo non aveva però più risposto alle chiamate della Centrale, che cercava di localizzarlo. Fornite le coordinate della cima...