Cancia, in dirittura d’arrivo i lavori del primo stralcio di messa in sicurezza del canalone

Cancia, in dirittura d’arrivo i lavori del primo stralcio di messa in sicurezza del canalone

I lavori al canalone di Cancia (Borca di Cadore) sono ormai ai dettagli finali. La briglia frangicolata di tecnologia giapponese Sabo Dam – la prima in Italia – è stata installata: consentirà di trattenere a monte la parte solida delle colate detritiche; e anche il canale di scolo delle acque del Bus del Diau è concluso: permetterà di togliere la parte liquida delle colate, limitando il trasporto di materiale verso valle. Nel giro di qualche settimana l’opera sarà completata definitivamente, in anticipo sui tempi del cronoprogramma, che prevedeva due anni abbondanti di lavori.

«Si tratta del più grande cantiere avviato dalla Provincia negli ultimi anni, fondamentale per la messa in sicurezza dell’abitato di Cancia che da anni attendeva quest’opera – commenta il consigliere provinciale delegato alla difesa del suolo, Massimo Bortoluzzi -. La progettazione è stata l’esito di anni di coinvolgimento dell’Università e dei massimi esperti del settore, che hanno seguito tutte le fasi della realizzazione. Abbiamo consegnato i lavori nel settembre 2019 e potremo inaugurare l’opera conclusa entro l’inizio di settembre. Dopodiché lavoreremo per il secondo stralcio che prevede un’altra briglia simile a valle».

Il primo stralcio ha comportato un investimento da parte della Provincia di 4.135.000 euro. Con la seconda fase delle opere si arriverà a circa 7,5 milioni. «Cifre che testimoniano la grandezza e l’importanza dell’intervento, necessario per evitare che colate importanti arrivino a lambire l’abitato di Cancia» continua il consigliere Bortoluzzi. L’ultimo episodio risale al 18 luglio 2009, quando persero la vita due persone. In occasione di acquazzoni particolarmente violenti, infatti, il canalone dell’Antelao scarica grandi quantità di acqua, e per effetto del dilavamento, massi e fango scendono a valle con grande velocità. La briglia ha proprio l’obiettivo di fermare questo genere di colate, mentre il canale del Bus del Diau impedisce che a monte si incontrino acqua e massi. 

«Gli ultimi eventi meteo importanti, ad esempio di fine agosto 2020, hanno mostrato subito l’efficacia del canale e la funzionalità dell’opera, visto che nel vascone di accumulo a valle sono arrivati solo ghiaia e fango – conclude il consigliere Bortoluzzi -. È per questo che lavoreremo sin da subito al secondo stralcio, così da ridurre ancora di più il rischio di colate e mettere in sicurezza Cancia e i suoi abitanti. La volontà della Provincia è anche quella di coinvolgere gli enti locali del territorio, per trovare un sito in cui stoccare il materiale di colata, non solo quello di Cancia, ma di tutti i dissesti della Valboite».

logo

Related posts

Altri interventi del Soccorso Alpino di oggi sabato 24 luglio 2021

Altri interventi del Soccorso Alpino di oggi sabato 24 luglio 2021

Cortina d'Ampezzo Tre le emergenze nel primo pomeriggio a Cortina d'Ampezzo. Scendendo da Forcella Pomagagnon lungo il ghiaione, un escursionista è caduto in uno dei canali d'erosione scavato dalle piogge e si è fatto male a una caviglia, riportando inoltre diverse escoriazioni. I compagni...

ESCURSIONISTA COLTO DA CRISI DI PANICO A FALCADE

ESCURSIONISTA COLTO DA CRISI DI PANICO A FALCADE

Falcade (BL), 24 - 07 - 21 Alle 12.20 circa la Centrale del 118 è stata contattata da alcune persone, che si erano imbattute in un escursionista colto da una crisi di panico, lungo il tragitto che dal Lago Cavia porta al Col Margherita. Ottenute le coordinate del punto in cui si trovava, i...

Nuova missione per don Graziano Dalla Caneva e per don Andrea Constantini

Nuova missione per don Graziano Dalla Caneva e per don Andrea Constantini

In una lettera ai preti il vescovo Renato ha comunicato alcuni prossimi avvicendamenti nel presbiterio della nostra diocesi. Nel darne l’annuncio, il Vescovo condivide «una particolare fatica che mi sembra di poter descrivere riferendomi innanzitutto ai giorni in cui ci hanno lasciato alcuni...

Seduta vaccinale a Cortina il 29 luglio: prenotazioni dal portale

Seduta vaccinale a Cortina il 29 luglio: prenotazioni dal portale

E’ stata organizzata una seduta vaccinale a Cortina d'Ampezzo – stadio del ghiaccio per il 29 luglio 2021 per persone con più di 18 anni. E’ possibile prenotare la vaccinazione dal sito www.aulss1.veneto.it . Inoltre, dalle 15.00 alle 18.00, sempre allo Stadio del Ghiaccio di Cortina, sarà...

CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE A CORTINA D’AMPEZZO

CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE A CORTINA D’AMPEZZO

La seduta sarà trasmessa in diretta su Radio Cortina.

COVID-19: LE NUOVE MISURE DEL GOVERNO

COVID-19: LE NUOVE MISURE DEL GOVERNO

Il Consiglio dei Ministri si è riunito giovedì 22 luglio 2021, alle ore 18.10 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Mario Draghi. Segretario, il Sottosegretario alla Presidenza Roberto Garofoli. Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per...

Soccorso sulla Tofana di Rozes

Soccorso sulla Tofana di Rozes

Verso le 17 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Tofana di Rozes dove, a due tiri dall'uscita del Primo Spigolo, due alpinisti padovani, di 25 e 23 anni, erano rimasti appesi alle corde nel tentativo di calarsi. In due rotazioni il tecnico di elisoccorso...

INFORTUNIO SUL SENTIERO PER IL VANDELLI

INFORTUNIO SUL SENTIERO PER IL VANDELLI

Cortina d'Ampezzo (BL), 22 - 07 - 21 Attorno a mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il sentiero numero 215 che porta al Rifugio Vandelli, per un'escursionista che, scivolata, aveva messo giù male una mano, riportando un sospetto trauma al polso. R.R., 54...

SOCCORSA ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ IN VAL DI ZOLDO

SOCCORSA ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ IN VAL DI ZOLDO

Val di Zoldo (BL), 22 - 07 - 21 Alle 13.40 circa il Soccorso alpino della Val di Zoldo è stato allertato dal compagno di un'escursionista, bloccata lungo il sentiero che costeggia il Maè, di fronte al Palaghiaccio a Forno di Zoldo. Cercando di evitare un tratto del percorso ritenuto esposto...