CORONAVIRUS. REGIONE VENETO FISSA CRITERI PER INDIVIDUARE ALBERGHI NEI QUALI OSPITARE PERSONE CONTAGIATE.

CORONAVIRUS. REGIONE VENETO FISSA CRITERI PER INDIVIDUARE ALBERGHI NEI QUALI OSPITARE PERSONE CONTAGIATE.

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al turismo Federico Caner, in considerazione della situazione di somma urgenza dovuta all’epidemia da Covid-19, ha approvato stamane i criteri per individuare hotel idonei nei quali ospitare, in caso di carenza di posti letto negli ospedali pubblici, persone malate e la procedura di affidamento dei relativi servizi alberghieri, con priorità per le strutture ricettive presenti nelle aree di Venezia-Mestre, Padova, Treviso, Verona.

Ci stiamo muovendo con la massima prudenza per non farci trovare impreparati in caso di estrema necessità – precisa Caner –, ma confortati anche dall’incoraggiante andamento di questi giorni sul diffondersi del virus nella nostra regione, auspichiamo di non aver bisogno di mettere in atto questa iniziativa. Se dovesse servire, noi saremo pronti”.

Lo sviluppo della malattia – spiega l’assessore – ha determinato la rapida occupazione di molti posti letto negli ospedali del Veneto e nella malaugurata ipotesi di un aumento dei ricoveri dovremmo ricercare nuovi spazi per ospitare persone malate al di fuori dei nosocomi, anche al fine di evitare un’ulteriore diffusione del contagio. In queste settimane ci è stata comunicata dalle associazioni di categoria del turismo la disponibilità a impiegare le strutture ricettive ritenute idonee a tale scopo e con questa deliberazione abbiamo stabilito i parametri per individuare le più confacenti alla situazione emergenziale e fissato le modalità del loro utilizzo”.

Sulla base delle indicazioni ricevute dalle autorità sanitarie e di protezione civile, è stato stabilito che l’accoglienza possa avvenire in strutture classificate come alberghi/hotel e che alle stesse, in base alle norme per far fronte a situazioni di somma urgenza tra le quali rientra l’emergenza da Covid-19, sia eventualmente affidata l’ospitalità dei malati. Oltre alla disponibilità dei titolari, sarà rilevata, mediante un’apposita scheda, l’idoneità tecnica delle strutture. Una ricognizione di tali requisiti sarà svolta dalle associazioni maggiormente rappresentative a livello regionale, Confturismo Veneto, Federturismo Veneto, Assoturismo Veneto, che compileranno una lista di strutture aventi le caratteristiche richieste.

Gli alberghi dovranno essere collocati in un raggio di 20 chilometri dalla struttura sanitaria del territorio individuata per il trattamento di persone positive a Covid-19: la Protezione Civile e la Polizia locale saranno incaricate a individuare le strutture più rispondenti alle necessità e con i titolari delle stesse sarà sottoscritta una convenzione, la cui durata è stabilita sino al 31 luglio 2020 (è fatta salva la possibilità di recesso anticipato senza dover alcun indennizzo). Gli alberghi saranno utilizzati dalla Direzione Protezione Civile e Polizia locale con la formula “vuoto per pieno” al prezzo provvisorio di 50 euro giornalieri per camera, compresi i pasti e i servizi connessi al soggiorno.

Era doveroso definire e regolamentare questo possibile utilizzo delle strutture ricettive – conclude Caner –, in modo da attuare una procedura condivisa da tutti i soggetti che concorrono a una iniziativa sicuramente lodevole sul fronte della lotta al coronavirus. Ripeto: speriamo che gli ospedali si svuotino gradualmente e che gli alberghi riaprano per ospitare turisti in buona salute”.

logo

Related posts

Offerta di lavoro, la Provincia di Belluno cerca un tecnico da inserire nel Servizio Urbanistica

Offerta di lavoro, la Provincia di Belluno cerca un tecnico da inserire nel Servizio Urbanistica

Occasione di lavoro a Palazzo Piloni: la Provincia di Belluno cerca un tecnico da inserire nel Servizio Urbanistica. Il concorso è aperto e c’è tempo fino al 23 agosto per presentare la domanda. Sono richieste competenze tecniche con particolare riferimento all’urbanistica e alla...

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Impegnato lungo l'Alta Via degli Eroi dopo essere partito lunedì da Porcen e aver pernottato a Malga Paoda, martedì mattina un 28enne di Bari ha deciso di raggiungere la Val Dumela percorrendo la Cengia di Prada, un sentiero esposto con alcuni tratti attrezzati. Dopo aver oltrepassato una...

CORTINA D’AMPEZZO: CADE IN FALESIA E SI FA MALE A UNA CAVIGLIA

CORTINA D'AMPEZZO: CADE IN FALESIA E SI FA MALE A UNA CAVIGLIA

Verso le 15 una squadra del Soccorso alpino di Cortina d'Ampezzo ha raggiunto con il fuoristrada la falesia del Piccolo Lagazuoi, dove una freeclimber, messo male un piede, aveva riportato la probabile slogatura della caviglia. La 31enne di Spinea (VE) è stata quindi accompagnata all'ospedale di...

RECUPERATO ESCURSIONISTA SULLA FERRATA DEGLI ALLEGHESI

RECUPERATO ESCURSIONISTA SULLA FERRATA DEGLI ALLEGHESI

Attorno alle 14 la Centrale del Suem è stata allertata per un escursionista che, messo male un braccio risalendo con tre amici la Ferrata degli Alleghesi in Civetta, aveva riportato la probabile lussazione di una spalla. Individuato a 2.700 metri di altitudine il punto in cui si trovava il...

PosTalk 2022: novità ed ospiti della terza edizione

PosTalk 2022: novità ed ospiti della terza edizione

La terza edizione di PosTalk “parla” con tante voci: tutte di donna. Le protagoniste della rassegna organizzata dall’Hotel de la Poste sono artiste, giornaliste, imprenditrici, personalità capaci di raccontare il presente da angolazioni diverse. Il più antico salotto di Cortina, casa tra le...

NUMEROSI INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO

NUMEROSI INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO

  Attorno alle 16, lunedì 15 agosto, il Soccorso alpino dell'Alpago è stato allertato per una coppia di escursionisti in difficoltà. I due, 47 anni di Venezia lui, 40 anni di Campagna Lupia (VE) lei, al bivio per rientrare verso Pian Grant da località Sass Martin avevano sbagliato...

SOCCORSA UNA SPAGNOLA A CORTINA D’AMPEZZO

SOCCORSA UNA SPAGNOLA A CORTINA D'AMPEZZO

Attorno alle 14.30 una squadra del Soccorso alpino di Cortina è stata inviata dalla Centrale del Suem, lungo il tratto di sentiero tra il Rifugio Scoiattoli e il Bai de Dones, sotto la linea della seggiovia, per un'escursionista che si era fatta male a un piede. La 57enne spagnola, che aveva...

RECUPERATO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ A BORCA DI CADORE

RECUPERATO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ A BORCA DI CADORE

Attorno alle 11 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in Val Fiorentina per un escursionista in difficoltà. Il 28enne cinese si era infatti incamminato dal Rifugio Città di Fiume per arrivare al Venezia. Lungo il sentiero 480 era però uscito dal tracciato finendo bloccato sotto...

RECUPERATO ALPINISTA VOLATO SULLA SOLLEDER – LETTENBAUER

RECUPERATO ALPINISTA VOLATO SULLA SOLLEDER - LETTENBAUER

Questa mattina alle 8.40 la Centrale del 118 è stata allertata da un alpinista volato sul penultimo tiro della Via Solleder - Lettenbauer in Civetta. Fuori da ieri, dopo aver bivaccato in parete, il 30enne di Rimini e il compagno si trovavano ormai quasi alla fine della via quando lui, primo...