27 GENNAIO – GIORNO DELLA MEMORIA

27 GENNAIO – GIORNO DELLA MEMORIA

“La memoria ci sostiene e ci guida nella scelta del bene contro il male, ci indica la strada per essere giusti, come coloro che hanno combattuto ed aiutato il popolo degli oppressi”.

Con queste parole il Prefetto di Belluno, Adriana Cogode, ha voluto portare il suo saluto alle autorità e agli studenti degli istituti scolastici Renier, Ricci e Segato di Belluno, presenti alla cerimonia che si è tenuta oggi, a Palazzo dei Rettori, in occasione del Giorno della Memoria.

L’impegno a non dimenticare ciò che è avvenuto, affinché non accada mai più, è stato il filo conduttore di un evento che ha visto come protagonisti, grazie ai loro progetti sul tema della Shoah, i ragazzi della Consulta degli Studenti di Belluno, del liceo Renier e delle scuole secondarie di primo grado Ricci.

“Non possiamo e non dobbiamo dissipare, per indifferenza, ignoranza o, peggio ancora, arroganza – ha sottolineato il Prefetto – l’incubo della Shoah, con il quale doverosamente dobbiamo convivere quale monito per non abbassare la guardia, per saper riconoscere anche in tanti altri pericoli l’incombenza della prevaricazione e dell’odio, il rischio del male che si annida nelle intolleranze, nella xenofobia, nel razzismo, nella folle idea di una superiorità rispetto all’altro al punto da autolegittimarsi in azioni di violenza fisica, psichica e sociale.

La memoria della Shoah è necessaria perché è necessario essere richiamati alle proprie responsabilità ed all’impegno affinché i valori della vita, dell’eguaglianza, della libertà prevalgano sempre su ogni forma di contaminazione verso il male”.

Nel richiamare la Costituzione ed il principio di uguaglianza previsto dall’art. 3, il Prefetto si è soffermato sulla sofferenza delle donne e delle madri i cui figli sono stati strappati dai carnefici nazisti.

Il Direttore dell’ISBREC, Enrico Bacchetti, ha poi tracciato un quadro di quei tragici anni con uno sguardo particolare alla provincia di Belluno, dalla quale furono deportati nei campi di prigionia nazifascisti circa 1.000 civili sul totale dei 30.000 che si registrarono a livello nazionale.

La cerimonia è proseguita con la toccante “orazione civile” del giornalista Pierluigi Svaluto Moreolo che, intervallato dai brani eseguiti dai ragazzi del Liceo Renier e della scuola media Ricci, ha ripercorso alcuni drammatici momenti legati alla Shoah e messo in guardia dai pericoli che, oggi, si annidano dietro ogni forma di discriminazione.

Ed è proprio su quest’ultimo aspetto che il Prefetto ha richiamato l’attenzione degli studenti presenti in sala, evidenziando come “occorra impegnarsi per diventare attivamente custodi di una ricchezza assoluta, consci di dover assegnare al concetto di libertà un valore universale, capaci di intercettare le insidie che nella società contemporanea si annidano camuffate a volte dal benessere, dal qualunquismo, dall’apparente tranquillità di un vivere egoistico e indifferente. A ciò si aggiungano le cicliche crisi economiche ed occupazionali, il rischio della povertà, le incertezze verso il futuro, fenomeni sociali e contingenti che potrebbero trovarci sopraffatti e indifesi.

Occorre rinnovare allora la fierezza della dignità umana, ritrovare negli ideali della democrazia, nel rispetto delle regole, nell’impegno fermo e responsabile delle Istituzioni, nei solidi principi dettati dalla Costituzione, nella giustizia sociale, le energie e la fiducia per superare disagi e difficoltà.

La nostra «guerra» oggi va combattuta per continuare ad affermare, contro i pericoli nella società contemporanea, la forza e la bellezza dell’essere umano e della sua natura libera. E le «armi» per difendere la democrazia sono la conoscenza, la coscienza civica e collettiva, la legalità, l’uguaglianza. Armi da usare contro il nemico più pericoloso: l’indifferenza”.

Nel corso della cerimonia sono state infine consegnate, alla presenza dei Sindaci di Auronzo di Cadore e Ponte nelle Alpi, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Belluno e del Commissario Prefettizio di Lozzo di Cadore, le medaglie d’onore ai familiari dei cinque bellunesi di seguito indicati, internati nei campi di prigionia: Bombassei Vettor Tomaso; Fagherazzi Luigi; Poclener Giovanni; Trevisson Gioachino; Trevisson Luigi.

logo

Related posts

Superato l’80% dei Bellunesi vaccinati con almeno una dose

Superato l’80% dei Bellunesi vaccinati con almeno una dose

A questa mattina, oltre l’80,2% dei residenti in provincia di Belluno con più di 12 anni ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid. Ad oggi, le dosi somministrate in Ulss Dolomiti sono oltre 275.300 mila. L’80,2% ( pari a 146.322 persone ) della popolazione vaccinabile in Ulss...

SBAGLIA SENTIERO: INTERVENTO DEL SOCCORSO ALPINO DI AGORDO NELLA NOTTE

SBAGLIA SENTIERO: INTERVENTO DEL SOCCORSO ALPINO DI AGORDO NELLA NOTTE

Cencenighe Agordino (BL), 25 - 09 - 21 Ieri sera il Soccorso alpino di Agordo è stato allertato a seguito della chiamata di un ragazzo, che si trovava da due giorni in gruppo al Bivacco Bedin, poiché un'amica che doveva raggiungerli era in difficoltà. Dalle prime informazioni, difficili da...

INTERVENTI A TAIBON E COLLE SANTA LUCIA

INTERVENTI A TAIBON E COLLE SANTA LUCIA

Taibon Agordino (BL), Attorno alle 15, di ieri, venerdì 24 settembre,  il Soccorso alpino di Agordo è stato allertato dalla Centrale del Suem, per un escursionista di lingua tedesca, che si era fatto male a una spalla scivolando lungo il sentiero numero 554, a una ventina di minuti di distanza...

CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE A CORTINA D’AMPEZZO

CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE A CORTINA D'AMPEZZO

Il sindaco Gianpietro Ghedina ha convocato il consiglio comunale per giovedì 30 settembre alle ore 11. La seduta sarà trasmessa in diretta su Radio Cortina. Di seguito l'ordine del giorno.

RECUPERATO NELLA NOTTE ESCURSIONISTA IN CIVETTA

RECUPERATO NELLA NOTTE ESCURSIONISTA IN CIVETTA

Val di Zoldo (BL), 24 - 09 - 21 Ieri sera attorno alle 20.30 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Val di Zoldo, a seguito della chiamata di un escursionista straniero bloccato nella zona della Ferrata Alleghesi, sul Civetta, in un punto in cui non si fidava a...

RECUPERATA CORDATA IN DIFFICOLTÀ SULLE TRE CIME DI LAVAREDO

RECUPERATA CORDATA IN DIFFICOLTÀ SULLE TRE CIME DI LAVAREDO

Ieri verso le 20 la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino di Auronzo, per una cordata di alpinisti stranieri in difficoltà sulla Cima Grande di Lavaredo. Arrivati all'undicesimo tiro dello Spigolo Dibona, infatti, i due non erano più in grado di proseguire essendo sprovvisti di...

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Attorno alle 16.20, ieri, mercoledì 22 settembre,  la Centrale del Suem è stata allertata per due emergenze consecutive, la prima per una cordata di alpinisti belgi usciti fuori traccia dalla Via Eotvos-Dimai sulla Tofana di Rozes. I due di 22 e 25 anni, che si trovavano all'altezza...

INCIDENTE SULLA FERRATA DEL PATERNO

INCIDENTE SULLA FERRATA DEL PATERNO

Attorno a mezzogiorno la Centrale del 118 è stata allertata per un escursionista caduto per diversi metri mentre percorreva in compagnia la Ferrata del Paterno, ad Auronzo di Cadore. L'uomo, che si trovava in un tratto non attrezzato del percorso e aveva riportato un sospetto politrauma, è...

TROVATO SENZA VITA ESCURSIONISTA DI TOLMEZZO

TROVATO SENZA VITA ESCURSIONISTA DI TOLMEZZO

È stato purtroppo ritrovato senza vita, l'escursionista settantunenne di Tolmezzo (UD), G.A., per il cui mancato rientro ieri nel tardo pomeriggio erano scattate le ricerche nella zona di Forcella Scodavacca, dove era diretto dopo essere partito da Forni di Sopra.  L'allarme era stato  lanciato...