Comunicati stampa di Maggioranza e Minoranza del Comune di Cortina di oggi 2 settembre 2017 sul passante di Zuel/Sicurezza stradale

Comunicati stampa di Maggioranza e Minoranza del Comune di Cortina di oggi 2 settembre 2017 sul passante di Zuel/Sicurezza stradale

L’amministrazione Comunale è estremamente sensibile al problema della sicurezza stradale.egli ultimi anni (dati 2008/2015), la media degli incidenti stradali censiti (con feriti o mortali) nel territorio comunale di Cortina d’Ampezzo è di 27 incidenti per anno, con 39 feriti per anno e un totale di 5 morti. L’anno con il maggior numero di incidenti è stato il 2008 con 33 (fortunatamente nessuno mortale) e 48 feriti. Alcuni dei punti con il maggior numero di incidenti sono: il semaforo della ciclo/pedonale in località La Riva, l’anello di circonvallazione con i passaggi pedonali, Zuel, il tratto della statale tra Maion e Corso Italia, e il resto del territorio con localizzazioni a macchia di leopardo.Abbiamo in programma una serie di interventi da attuare nell’immediato che vanno dalla illuminazione dei passaggi pedonali, dall’utilizzo di rilevatori di velocità, allo sviluppo del sistema di telecamere, e dei sistemi elettronici di controllo e dissuasione. La nuova viabilità del tratto centrale prevede il sottopassaggio della ciclabile in località Riva e lo sgravio dei flussi di traffico sull’anello centrale che, oltre a risolvere i problemi di congestione, migliorano notevolmente la sicurezza. A Zuel, fino alla realizzazione della variante di sbocco a sud, visto che ben poco è stato fatto in passato, prevediamo di utilizzare sistemi tipo autovelox nelle due direzioni attivi e funzionanti, telecamere fisse, e limiti di velocità restrittivi. In aggiunta stiamo studiando un sistema di sensori che, in caso di coda, blocchino il traffico di accesso da sud prima della curva cieca. L’amministrazione comunale sente forte la responsabilità della sicurezza su tutto il territorio comunale e non solo della sicurezza nell’abitato di Zuel.

Gruppo Sistema Cortina

————————————————————————————-

Abbiamo sempre detto che gli incidenti nel tratto di Zuel sono all’ordine del giorno e oggi viene confermato purtroppo con l’ennesimo incidente stradale. È chiaro che questa amministrazione non ha a cuore la sicurezza dei propri cittadini e dei turisti che frequentano la nostra valle. Abbiamo sempre sostenuto, a partire dalla nostra campagna elettorale, che la priorità è il passante di Zuel, oggi non possiamo che ribadirlo con forza. Se l’amministrazione non ha intenzione di cambiare idea al riguardo e rivedere la propria posizione in merito alle priorità del paese, si dovrà assumere la responsabilità di tutti gli incidenti, danni e infortuni che si verificheranno su quel tratto di strada. Basti pensare che quando io stesso mi sono recato sul posto, appena avvisato dell’accaduto, sono stato informato dai vigili del fuoco del fatto che lo stesso guard-rail dove vi era stato il sinistro era stato sistemato da non più di 10 giorni. Il nostro primo cittadino dovrebbe avere a cuore la sicurezza de propri cittadini, il fatto che in questo momento pensi solo a portare avanti un disegno che adesso, oltretutto, non risolverebbe affatto il problema della viabilità del paese, è scioccante. Speriamo che non sia necessario vedere incidenti più gravi o addirittura un altro morto prima che il Sindaco cominci ad ascoltarci. Anche in occasione della presentazione tenutasi all’Alexander Hall, è stato evidente come il sindaco non abbia avuto un confronto con la cittadinanza, ma ha solo esposto ciò che ha intenzione di fare, dando la possibilità solo ad una decina dei centinaia presenti in sala di porre domande o esporre la propria opinione. A questo si aggiunge l’indifferenza verso una raccolta di firme sempre più consistente a favore del passante di Zuel. Una persona che per 10 anni di opposizione ha sempre sostenuto che la volontà popolare, il rispetto delle regole e l’ascolto del cittadino sono la priorità, che solo con sinergia, collaborazione tra la cittadinanza e pubblica amministrazione si può amministrare al meglio dovrebbe tener fede alle proprie parole. È chiaro che in questo momento l’unica priorità va assolutamente data al passante di Zuel, la sicurezza viene prima di tutto.

Il Capogruppo GIORGIO DA RIN

Related posts

Gli interventi di oggi sabato 18 agosto del Soccorso Alpino

Gli interventi di oggi sabato 18 agosto del Soccorso Alpino

Alpago (BL), 18 - 08 - 18 Sono gravi le condizioni di un ciclista che, perso il controllo della propria mountain bike, è caduto ed è ruzzolato per circa 200 metri in una scarpata, fermandosi sui tronchi a terra degli alberi. A lanciare l'allarme questa mattina poco prima delle 11 l'amico che si...

Comunicato Soccorso Alpino e Speleologico Veneto: PERDE LA VITA SULLE TRE CIME

Comunicato Soccorso Alpino e Speleologico Veneto: PERDE LA VITA SULLE TRE CIME

Belluno, 17 - 08 - 18 Questa mattina passate le 11 la centrale del Suem 118 ha ricevuto diverse chiamate di testimoni che avevano assistito alla caduta di una persona sulle Tre Cime di Lavaredo. Quando, dopo aver imbarcato due agenti di Sagf di Auronzo di Cadore, l'elicottero dell'Aiut...

INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO, MALORE MORTALE SULLE DOLOMITI DI SESTO

INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO, MALORE MORTALE SULLE DOLOMITI DI SESTO

Belluno, 12 - 08 - 18 Questa mattina passate le 8 è arrivato l'allarme al 118 per un alpinista infortunatosi a una gamba, dopo essere caduto all'altezza del 7° - 8° tiro dello Spigolo nord dell'Agner. Mentre una squadra del Soccorso alpino di Agordo si portava in Valle di San Lucano, dal...

Diversi interventi del Soccorso Alpino oggi 10 agosto 2018

Diversi interventi del Soccorso Alpino oggi 10 agosto 2018

Tambre (BL), 10 - 08 - 18 Attorno alle 11.30 il Soccorso alpino dell'Alpago è stato allertato per un escursionista infortunatosi. Salendo assieme al cugino il sentiero numero 923 in direzione del Rifugio Semenza, poco prima di raggiungerlo un diciassettenne di Milano ha messo male il piede...

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 09 - 08 - 18 Questa mattina alle 8 l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto sui ghiaioni alla base della parete del Civetta, all'attacco della via Philipp - Flamm, in comune di Alleghe, dove aiutato dal compagno si era calato un alpinista colpito da una scarica...

Interventi del Soccorso Alpino del 6 agosto 18 – Colata detritica Rio Rudan Peaio di Vodo di Cadore

Interventi del Soccorso Alpino del 6 agosto 18 - Colata detritica Rio Rudan Peaio di Vodo di Cadore

Poco prima di mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto sulle Tre Cime di Lavaredo, sugli ultimi tiri dello Spigolo Dibona, dove due alpinisti austriaci, B.K., 58 anni, e D.K., 35 anni, erano in difficoltà poiché non trovavano l'uscita della via. I due rocciatori sono...

Olimpiadi 2026: il Coni propone una candidatura unitaria italiana. Zaia: “Siamo in linea con Malagò”.

Olimpiadi 2026: il Coni propone una candidatura unitaria italiana. Zaia: “Siamo in linea con Malagò".

“Siamo in linea con la proposta di candidatura unitaria avanzata dal Coni e dal Presidente Malagò. Chiediamo di fare presto e che ci siano precise garanzie per tutti coloro che vogliono essere della partita”. Lo dichiara il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commentando l’annuncio...

Interventi del Soccorso Alpino a Cortina ed Auronzo

Interventi del Soccorso Alpino a Cortina ed Auronzo

Belluno, 29 - 07 - 18 Questa mattina il 118 è stato allertato per due alpinisti in difficoltà sulla Tofana di Rozes. I due, un uomo, A.L., 48 anni, di Quinto (TV), e una donna, S.B., 39 anni, di Casier (TV), avevano attaccato già ieri la via Eötvös - Dimai, ma arrivati a circa metà progressione...

Molti gli interventi del Soccorso Alpino di oggi 28 luglio 2018

Molti gli interventi del Soccorso Alpino di oggi 28 luglio 2018

Verso le 11 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sasso Bianco, nel comune di Canale d'Agordo, per un escursionista che si era fatto male già ieri. L'uomo, A.S., 50 anni, di Monte San Pietro (BO) ieri era scivolato dal sentiero, ruzzolando per una ventina di metri e...