LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE:  QUESTO NON E’ AMORE.

LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE: QUESTO NON E’ AMORE.

Questura di Belluno

COMUNICATO STAMPA 14 February 2017
LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE:
QUESTO NON E’ AMORE
Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende …non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore”. Se ti uccide …non è amore.
Nel giorno di San Valentino, in cui tutto il mondo celebra l’amore, la Polizia di Stato sceglie di stare vicina alle donne con la campagna “…questo non è amore” che prevede in tutte le province italiane camper, pullman, gazebo e altri momenti d’incontro volti a rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere, offrendo il supporto di un’equipe di operatori specializzati, in prevalenza composta di donne e formata da personale di Polizia specializzato, da medici, psicologi e da rappresentanti dei centri antiviolenza.
Un’idea, quella del progetto CAMPER contro la violenza di genere che, partito a luglio del 2016, in circa sei mesi in 22 province italiane ha consentito di contattare oltre 18.600 persone, in maggioranza donne, diffondendo informazioni sugli strumenti di tutela e di intervenire su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero potute rimanere ingabbiate nel dolore domestico.
La flessione negli ultimi due anni dei delitti tipici (dai femminicidi, alle violenze sessuali, dai maltrattamenti in famiglia agli atti persecutori) non ferma l’impegno di prevenzione: non solo perché il numero assoluto delle vittime continua ad essere inaccettabile, ma perché l’esperienza di polizia e delle associazioni da tanti anni impegnate su questi temi mostra l’esistenza di un “sommerso” che troppo spesso non si traduce in denuncia. Un quotidiano fatto di attenzioni morbose, di comportamenti aggressivi e intimidatori che vengono letti come espressione di un amore appassionato e di una gelosia innocua, anche da madri, sorelle e amiche, ma che è spesso il triste copione di un crescendo di violenza che si alimenta con l’isolamento.
Ogni tre giorni e mezzo avviene in media l’omicidio di una donna in ambito familiare o comunque affettivo, mentre ogni giorno, sempre ai danni di donne, si registrano 23 atti persecutori, 28 maltrattamenti, 16 episodi di percosse, 9 di violenze sessuali.
Questi più in dettaglio i dati di tutte le forze di polizia:
gli omicidi di donne in ambito familiare sono stati 117 nel 2014, 111 nel 2015, 108 nel 2016;
gli atti persecutori (circa il 76% in danno delle donne) 12.446 nel 2014, 11.758 nel 2015, 11.400 nel 2016;
i maltrattamenti in famiglia (circa l’81% in danno delle donne) 13.261 nel 2014, 12.890 nel 2015, 12.829 nel 2016;
le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 15.285 nel 2014, 15.249 nel 2015, 13.146 nel 2016;
le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 4257 nel 2014, 4000 nel 2015, 3759 nel 2016.
Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.
In questa prospettiva si muove l’adozione dall’inizio dell’anno del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia. Procedura che consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare. Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenza reiterate.

logo

Related posts

LA POLIZIA ARRESTA UNO SPACCIATORE

LA POLIZIA ARRESTA UNO SPACCIATORE

Nella mattinata di ieri gli uomini della Questura di Belluno hanno eseguito un’ordinanza cautelare di custodia in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Belluno su richiesta della Procura della Repubblica a carico di Roberto Dal Borgo, gestore del “Bar Sport” di Sois. Dal Borgo è...

Don Giuseppe, riposa in pace!

Don Giuseppe, riposa in pace!

Alle ore 8.53 di oggi, venerdì 9 aprile, don Giuseppe Bortolas ci ha lasciati. Era stato trovato incosciente dal Vescovo nella serata di mercoledì scorso; era stato ricoverato a Pieve di Cadore e poi a Belluno. Era nato a Cesiomaggiore il giorno 11 settembre 1953, figlio di Bruno e Susanna...

COVID-19: SCENDONO A 13 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

COVID-19: SCENDONO A 13 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, aggiorna la comunità sull’evolversi dell’epidemia da Covid-19. “In questi due giorni”, scrive Ghedina, “il numero di positivi al Covid-19 nel territorio di Cortina d’Ampezzo è passato da 28 a 13 casi (-15). Le persone in quarantena...

FORCELLA ANTELAO: GRAVE SCIALPINISTA CADUTO PER ALCUNE DECINE DI METRI

FORCELLA ANTELAO: GRAVE SCIALPINISTA CADUTO PER ALCUNE DECINE DI METRI

Calalzo di Cadore (BL), 08 - 04 - 21 Attorno alle 13.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Val d'Oten, per uno scialpinista scivolato sulla neve dura e caduto per alcune decine di metri, mentre con altri due sciatori stava scendendo da Forcella...

Tornare a camminare a 29 anni: l’intervento all’ospedale Cortina corregge un difetto di deambulazione in un giovane paziente

Tornare a camminare a 29 anni: l’intervento all'ospedale Cortina corregge un difetto di deambulazione in un giovane paziente

Un bambino su 1 milione (dati Orpha.net) nasce con una particolare malformazione congenita che causa un’anomalia e un difetto nella crescita degli arti. L’équipe di Ortopedia dell'Ospedale Cortina, Ospedale Polispecialistico Accreditato con il SSN, ha recentemente effettuato un particolare...

TROVATO SENZA VITA FERRUCCIO SVALUTO MOREOLO

TROVATO SENZA VITA FERRUCCIO SVALUTO MOREOLO

Domegge di Cadore (BL), 08 - 04 - 21 "Con profondo dolore", scrivono dal Soccorso Alpino, "vi comunichiamo che alle prime luci di questa mattina è stato rinvenuto il corpo senza di vita di Ferruccio Svaluto Moreolo". Ieri sera verso le 20.30 la Stazione del Soccorso alpino del Centro Cadore...

COVID-19: SCENDONO A 28 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

COVID-19: SCENDONO A 28 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, aggiorna la comunità sull’evolversi dell’epidemia da Covid-19. “In questi cinque giorni”, scrive Ghedina, “il numero di positivi al Covid-19 nel territorio di Cortina d’Ampezzo è passato da 37 a 28 casi (-9). Le persone in quarantena...

Scivola nel bosco, intervento del Soccorso Alpino a Vinigo di Vodo di Cadore

Scivola nel bosco, intervento del Soccorso Alpino a Vinigo di Vodo di Cadore

Poco prima delle 11 è scattato l'allarme per un escursionista ruzzolato una ventina di metri, dopo essere scivolato mentre passeggiava in un bosco sopra Vinigo. A dare l'allarme altre persone che si trovavano a una decina di minuti di distanza da lui. Risaliti alla posizione dell'infortunato...

RITROVATO SENZA VITA UOMO SCOMPARSO DA 8 GIORNI

RITROVATO SENZA VITA UOMO SCOMPARSO DA 8 GIORNI

È stato ritrovato senza vita il corpo di G.D.I., 53 anni, di Belluno, di cui non si avevano più notizie dallo scorso 25 marzo. Oggi attorno alle 12.20, dopo che la sua bicicletta è stata rinvenuta a Fisterre, 100 metri a monte del ponte che attraversa l'Ardo, nella zona delle ex pescherie, è...