Insieme si può,Amnesty International Italia,Art for Amnesty: a un anno dalla catena umana alle Tre Cime,un nuovo video,nuovi progetti e appelli per proteggere i diritti umani.

Insieme si può,Amnesty International Italia,Art for Amnesty: a un anno dalla catena umana alle Tre Cime,un nuovo video,nuovi progetti e appelli per proteggere i diritti umani.


13 SETTEMBRE 2015 – 13 SETTEMBRE 2016

INSIEME SI PUÒ”, AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA, ART FOR AMNESTY: A UN ANNO DALLA CATENA UMANA ALLE TRE CIME, UN NUOVO VIDEO, NUOVI PROGETTI E APPELLI PER PROTEGGERE I DIRITTI UMANI.

É stato un anno fa ed è stato sette anni fa. Le Dolomiti al centro del mondo, al centro di un’Umanità che, come disse Moni Ovadia, ha a cuore il destino dei propri simili. É nel quotidiano che “Insieme si può…”, Amnesty International e Art for Amnesty conducono la propria azione di denuncia delle violazioni dei diritti umani e portano avanti azioni concrete in difesa di quanti, senza averne responsabilità, soffrono ogni giorno della loro vita violenze, miserie, degradazione.

(Le Tre Cime rappresentano uno scenario ineguagliabile, non solo per le suggestioni di un paesaggio da sogno, ma per gli echi di una guerra che, soli cento anni fa, per un confine giustificava la strage di migliaia e migliaia di uomini. Una Catena Umana ad abbracciare quelle montagne, quelle migliaia di mani unite in un messaggio di pace rappresentano una vittoria, una risposta storica dell’uomo che si schiera non più per prevalere sull’uomo, ma a favore dell’uomo.) Éagli scenari odierni di guerra che corre il pensiero, lì dove ogni diritto umano viene violato, negato, deriso.

Proprio dal teatro di una delle guerre più lunghe e orribili del pianeta, l’Afghanistan, viene in questi giorni la speranza per le vittime più deboli e oppresse. Da anni Insieme si può si batte per garantire istruzione, cibo, cure sanitarie, un ricovero dignitoso per donne e bambini. Un programma importante promosso in questi anni è il “Progetto capre” grazie al quale, con la consegna di caprette, sono state sostenute decine e decine di donne e famiglie nel riguadagnare l’autosufficienza economica (latte, formaggio, lana, un piccolo allevamento) e l’inclusione sociale. In questi giorni questo progetto riesce in qualcosa di speciale, perché raggiunge un piccolo gruppo di famiglie, i cui volti hanno fatto il giro del mondo in queste ultime settimane, ripresi nella disperata ricerca dei propri cari tra le macerie degli attentati contro la popolazione civile di Kabul dello scorso agosto. Questi bambini, queste vedove entrano con questo progetto in un programma di assistenza nel cercare giustizia, nel pretendere un processo ai colpevoli dei crimini subiti. Non imbracciano un fucile per farsi vendetta. E ricominciano, lentamente, ad affrontare l’oggi e sperare nel domani perché viene affidata loro una capretta (info e modalità per aderire su www.365giorni.org).

Ogni vittima di conflitto e di persecuzione vive nel cuore di chi si è incatenato alle Tre Cime. Chi cerca di avere salva la vita, propria e della propria famiglia scappando da guerre, violenze e persecuzioni è accolto in quell’abbraccio, che oggi si ricompone, virtuale, con la campagna #IWelcome di Amnesty International. Nell’ambito della campagna l’appello chiede alle istituzioni nazionali e internazionali di istituire e garantire canali legali e sicuri per i rifugiati, perché possano raggiungere l’Europa senza intraprendere un viaggio pericoloso e spesso mortale; le condizioni di accoglienza all’arrivo devono essere adeguate e umane, le procedure di asilo snellite, e gli stati dell’Unione europea devono condividere equamente le responsabilità di accogliere i rifugiati (per firmare l’appello: http://appelli.amnesty.it/canali-sicuri-per-i-rifugiati/).

On line in tutto il mondo da oggi, anniversario dell’evento, il video che riprende dall’alto le migliaia di persone che il 13 settembre del 2015 si sono prese per mano attorno alle Tre Cime, rivisitato a sostegno di questo appello. É’ un video di mobilitazione sui diritti umani che è tra i più visti di sempre, cui farà seguito un nuovo video con immagini inedite per il prossimo 10 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei Diritti Umani. Come sette anni fa e l’anno scorso, l’evento alle Tre Cime rinnova l’impegno globale per un mondo più giusto, per tutti.

logo

Related posts

SETTE NUOVI OPERATORI PER IL SOCCORSO IN FORRA

SETTE NUOVI OPERATORI PER IL SOCCORSO IN FORRA

Sette nuovi operatori per il Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto. Dopo due intensi giorni di verifiche in Val del Mus a Sedico e in Cajada a Longarone, questo fine settimana sette soccorritori, provenienti dalle Stazioni di tutta la regione, hanno superato l'esame ciascuno...

AFFLUENZA ALLE URNE

AFFLUENZA ALLE URNE

Di seguito l'affluenza alle urne nei Comuni della Provincia di Belluno. Si vota fino alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre. In seguito inizieranno le operazioni di spoglio. Dati della prefettura di Belluno.

Soccorso Alpino oggi sull’Antelao, Agner e Rifugio Vandelli

Soccorso Alpino oggi sull'Antelao, Agner e Rifugio Vandelli

Alle 13.50 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è stato inviato a metà della via normale all'Antelao, a San Vito di Cadore, per un escursionista di Mogliano Veneto (TV), F.T., 51 anni, che si era slogato una caviglia scendendo. L'uomo, che si trovava con altre persone, aveva tentato di...

ANZIANO SI INFORTUNA IN ALPAGO

ANZIANO SI INFORTUNA IN ALPAGO

Alpago (BL), 19 - 09 - 20 Alle 7.30 il Soccorso alpino dell'Alpago è stato allertato per un cacciatore di 92 anni, infortunatosi un chilometro circa sopra la casa cantoniera di Santa Croce a Puos d'Alpago, a dare l'allarme il compagno di caccia ottantaseienne che era con lui. L'anziano di Ponte...

ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ,  A BORCA, LUNGO L’ALTA VIA NUMERO 1

ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ, A BORCA, LUNGO L'ALTA VIA NUMERO 1

Borca di Cadore (BL), 18 - 09 - 20 Alle 10.40 circa la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino della Val Fiorentina per un escursionista che aveva avuto dei problemi nel tratto dell'alta Via numero 1 tra il Rifugio Città di Fiume e il Venezia. Al momento di scendere da Forcella...

CORTINA DOLOMITI: ONLINE IL SECONDO NUMERO DELLA RIVISTA DIGITALE

CORTINA DOLOMITI: ONLINE IL SECONDO NUMERO DELLA RIVISTA DIGITALE

Benvenuto Autunno. Cortina Marketing saluta la nuova stagione con il secondo numero della rivista Cortina Dolomiti, online da oggi al seguente link: https://indd.adobe.com/view/c4cd2733-2c34-40c2-a795-226c4fb9ae38 Il numero racconta la stagione dei colori attraverso le iniziative del...

SCOOP! LE COOPERATIVE BELLUNESI E TREVIGIANE IN FESTA A CORTINA D’AMPEZZO SABATO 19 SETTEMBRE

SCOOP! LE COOPERATIVE BELLUNESI E TREVIGIANE IN FESTA A CORTINA D’AMPEZZO SABATO 19 SETTEMBRE

La manifestazione, ideata e realizzata da Confcooperative Belluno e Treviso per promuovere la ricchezza del mondo cooperativo bellunese e trevigiano in modo esperienziale, torna per il secondo anno consecutivo nella Regina delle Dolomiti con un ricco programma di eventi nati dalla collaborazione...

A CORTINA ESCURSIONISTA SCIVOLA E SBATTE LA TESTA

A CORTINA ESCURSIONISTA SCIVOLA E SBATTE LA TESTA

Cortina d'Ampezzo (BL), 14 - 09 - 20 Attorno alle 13.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il sentiero che sale al Rifugio Nuvolau, per un'escursionista che era scivolata e aveva sbattuto la testa. Raggiunta dal tecnico di elisoccorso e dal medico sbarcati in hovering...

INTERVENTO NELLA NOTTE IN MARMOLADA

INTERVENTO NELLA NOTTE IN MARMOLADA

Rocca Pietore (BL), 14 - 09 - 20 Il Soccorso alpino della Val Pettorina è intervenuto questa notte sul ghiacciaio della Marmolada in aiuto di una escursionista in difficoltà. Partita alle 3 di notte da Pordenone per percorrere la Via Eterna, L.Z., 43 anni, ha poi raccontato ai soccorritori che...