Insieme si può,Amnesty International Italia,Art for Amnesty: a un anno dalla catena umana alle Tre Cime,un nuovo video,nuovi progetti e appelli per proteggere i diritti umani.

Insieme si può,Amnesty International Italia,Art for Amnesty: a un anno dalla catena umana alle Tre Cime,un nuovo video,nuovi progetti e appelli per proteggere i diritti umani.


13 SETTEMBRE 2015 – 13 SETTEMBRE 2016

INSIEME SI PUÒ”, AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA, ART FOR AMNESTY: A UN ANNO DALLA CATENA UMANA ALLE TRE CIME, UN NUOVO VIDEO, NUOVI PROGETTI E APPELLI PER PROTEGGERE I DIRITTI UMANI.

É stato un anno fa ed è stato sette anni fa. Le Dolomiti al centro del mondo, al centro di un’Umanità che, come disse Moni Ovadia, ha a cuore il destino dei propri simili. É nel quotidiano che “Insieme si può…”, Amnesty International e Art for Amnesty conducono la propria azione di denuncia delle violazioni dei diritti umani e portano avanti azioni concrete in difesa di quanti, senza averne responsabilità, soffrono ogni giorno della loro vita violenze, miserie, degradazione.

(Le Tre Cime rappresentano uno scenario ineguagliabile, non solo per le suggestioni di un paesaggio da sogno, ma per gli echi di una guerra che, soli cento anni fa, per un confine giustificava la strage di migliaia e migliaia di uomini. Una Catena Umana ad abbracciare quelle montagne, quelle migliaia di mani unite in un messaggio di pace rappresentano una vittoria, una risposta storica dell’uomo che si schiera non più per prevalere sull’uomo, ma a favore dell’uomo.) Éagli scenari odierni di guerra che corre il pensiero, lì dove ogni diritto umano viene violato, negato, deriso.

Proprio dal teatro di una delle guerre più lunghe e orribili del pianeta, l’Afghanistan, viene in questi giorni la speranza per le vittime più deboli e oppresse. Da anni Insieme si può si batte per garantire istruzione, cibo, cure sanitarie, un ricovero dignitoso per donne e bambini. Un programma importante promosso in questi anni è il “Progetto capre” grazie al quale, con la consegna di caprette, sono state sostenute decine e decine di donne e famiglie nel riguadagnare l’autosufficienza economica (latte, formaggio, lana, un piccolo allevamento) e l’inclusione sociale. In questi giorni questo progetto riesce in qualcosa di speciale, perché raggiunge un piccolo gruppo di famiglie, i cui volti hanno fatto il giro del mondo in queste ultime settimane, ripresi nella disperata ricerca dei propri cari tra le macerie degli attentati contro la popolazione civile di Kabul dello scorso agosto. Questi bambini, queste vedove entrano con questo progetto in un programma di assistenza nel cercare giustizia, nel pretendere un processo ai colpevoli dei crimini subiti. Non imbracciano un fucile per farsi vendetta. E ricominciano, lentamente, ad affrontare l’oggi e sperare nel domani perché viene affidata loro una capretta (info e modalità per aderire su www.365giorni.org).

Ogni vittima di conflitto e di persecuzione vive nel cuore di chi si è incatenato alle Tre Cime. Chi cerca di avere salva la vita, propria e della propria famiglia scappando da guerre, violenze e persecuzioni è accolto in quell’abbraccio, che oggi si ricompone, virtuale, con la campagna #IWelcome di Amnesty International. Nell’ambito della campagna l’appello chiede alle istituzioni nazionali e internazionali di istituire e garantire canali legali e sicuri per i rifugiati, perché possano raggiungere l’Europa senza intraprendere un viaggio pericoloso e spesso mortale; le condizioni di accoglienza all’arrivo devono essere adeguate e umane, le procedure di asilo snellite, e gli stati dell’Unione europea devono condividere equamente le responsabilità di accogliere i rifugiati (per firmare l’appello: http://appelli.amnesty.it/canali-sicuri-per-i-rifugiati/).

On line in tutto il mondo da oggi, anniversario dell’evento, il video che riprende dall’alto le migliaia di persone che il 13 settembre del 2015 si sono prese per mano attorno alle Tre Cime, rivisitato a sostegno di questo appello. É’ un video di mobilitazione sui diritti umani che è tra i più visti di sempre, cui farà seguito un nuovo video con immagini inedite per il prossimo 10 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei Diritti Umani. Come sette anni fa e l’anno scorso, l’evento alle Tre Cime rinnova l’impegno globale per un mondo più giusto, per tutti.

Related posts

ANCORA SENZA ESITO RICERCA SEREN DEL GRAPPA

ANCORA SENZA ESITO RICERCA SEREN DEL GRAPPA

Seren del Grappa (BL), 16 - 07 - 18 Nemmeno la giornata di ricerche odierna ha portato qualche novità in merito alla scomparsa di Attilio Beghetto, allontanatosi dalla propria abitazione venerdì scorso senza dare più notizie di sé. Sette squadre a partire dalle 8 di questa mattina si sono...

Incendio abitazione Loc. Corlo

Incendio abitazione Loc. Corlo

COMUNICATO STAMPA VIGILI DEL FUOCO - Personale di questo comando del Distaccamento permanente di Feltre è intervenuto questa mattina alle 6:50 circa per l'incendio di un'abitazione in loc. Corlo sopra il lago omonimo. L'abitazione per cause ancora da accertare (pare si sia trattato del...

CORTINA 2026. ZAIA A ROMA DA GIORGETTI E MALAGÒ

CORTINA 2026. ZAIA A ROMA DA GIORGETTI E MALAGÒ

Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha personalmente presentato stamane a Roma, prima al sottosegretario allo sport, Giancarlo Giorgetti e successivamente al presidente del CONI, Giovanni Malagò, lo studio di fattibilità, ufficialmente già inviato ieri, che accompagna la...

ZAIA A ROMA CONSEGNA DOSSIER CORTINA 2026 Al SOTTOSEGRETARIO GIORGETTI E AL PRESIDENTE CONI MALAGO’

ZAIA A ROMA CONSEGNA DOSSIER CORTINA 2026 Al SOTTOSEGRETARIO GIORGETTI E AL PRESIDENTE CONI MALAGO’

Il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia si trova a Roma per due significativi incontri istituzionali, con al centro la candidatura italiana alle Olimpiadi invernali del 2026. Alle ore 10, Zaia incontrerà a Palazzo Chigi il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo...

CORTINA 2026: IL COMUNE DOLOMITICO HA UFFICIALMENTE PRESENTATO IL DOSSIER PER CANDIDARSI A SEDE DEI GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI

CORTINA 2026: IL COMUNE DOLOMITICO HA UFFICIALMENTE PRESENTATO IL DOSSIER PER CANDIDARSI A SEDE DEI GIOCHI OLIMPICI E PARALIMPICI

Dalle ore 10.30 di oggi Cortina è ufficialmente in corsa per ospitare le Olimpiadi invernali del 2026. A quell’ora, infatti, è stato notificato via PEC dall’amministrazione comunale cortinese al Coni il dossier che accompagna la candidatura della “Perla delle Dolomiti” a essere designata sede...

MALORE MORTALE ALLE CASCATE DI FANES

MALORE MORTALE ALLE CASCATE DI FANES

Cortina d'Ampezzo (BL), 02 - 07 - 18 Poco prima di mezzogiorno il 118 è stato allertato per un escursionista colto da malore sul sentiero nella zona delle Cascate di Fanes, a circa 1.480 metri di quota. Alcuni passanti erano stati richiamati dalle grida della compagna e, accorsi, avevano subito...

Muore colto da malore a gara di corsa in montagna

Muore colto da malore a gara di corsa in montagna

Livinallongo del Col di Lana (BL), 01 - 06 - 18 Questa mattina attorno alle 10.40 è scattato l'allarme per uno dei partecipanti alla gara di corsa in montagna Marmolada Historic Trail che si era sentito male all'altezza del muro di Porta Vescovo. L'uomo, partito con gli altri atleti da Passo...

Soccorso alpinista sul Campanil di Toro a Domegge di Cadore

Soccorso alpinista sul Campanil di Toro a Domegge di Cadore

Domegge di Cadore (BL), 30 - 06 - 18 Alle 15.30 circa il 118 è stato allertato per un alpinista infortunatosi sulle doppie di rientro da una via sul Campanil di Toro. Il rocciatore, che faceva parte di una cordata di tre, sulla penultima calata, a 2.100 metri di quota circa, aveva sbattuto un...

RICERCA IERI SERA, ALLARME RIENTRATO

RICERCA IERI SERA, ALLARME RIENTRATO

San Vito di Cadore (BL), 28 - 06 - 18 Ieri attorno alle 22 il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato allertato dal 118, poiché un'auto era stata rinvenuta fuori strada e non si trovava il conducente, un trentaquattrenne originario di Venezia. Il mezzo era caduto per una decina di metri...