Recuperato il corpo di Janna, tristezza e amarezza per i soccorritori.

Recuperato il corpo di Janna, tristezza e amarezza per i soccorritori.


RECUPERATO IL CORPO DI JANNA, TRISTEZZA E AMAREZZA PER I SOCCORRITORI

Belluno-Pordenone, 13 – 09 – 16
Con il ritrovamento del corpo senza vita di Janna si chiude con l’epilogo peggiore una storia che ci ha coinvolto fin dal principio, come le tante, troppe, con le quali, soprattutto d’estate, ci confrontiamo.  Ricerche che durano giorni, che ci avvicinano sempre più emotivamente a chi è scomparso, alle quali cerchiamo di dare il massimo, mettendo a disposizione la profonda conoscenza del nostro territorio, le tecniche operative richieste in ambienti così severi e rischiosi, la volontà di essere utili al prossimo e di portare aiuto a chi ne ha bisogno. Non siamo soliti esprimere giudizi sull’operato degli enti che, come il Cnsas, si prodigano nelle emergenze con la nostra stessa finalità – salvare vite umane – e con i quali collaboriamo attivamente, ognuno per la propria parte di competenza istituzionale. Oggi però non possiamo esimerci dall’esprimere la nostra profonda amarezza di fronte alla conclusione di questa vicenda. l Servizi regionali del Soccorso alpino e speleologico del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, a differenza di quanto succede ogni giorno – spesso decine di volte al giorno –  per una competenza delegata dalla legge dello Stato italiano, oggi non hanno potuto ultimare l’intervento di recupero del corpo di Janna, completato con un elicottero dei Vigili del fuoco e con personale dei Vigili del fuoco provenienti da Bologna. Dopo il rinvenimento degli effetti personali della giovane donna ieri sera, questa mattina alle 8 erano pronti a decollare gli elicotteri sia dal Bellunese che dal Friuli, con personale del Soccorso alpino di Alpago e Valcellina disponibile in piazzola. Personale volontario, lo ricordiamo, con preparazione e formazione certificate dalla Scuola Nazionale del Cnsas, riconosciuta da specifiche leggi dello Stato e delle nostre rispettive Regioni. Personale che ha assoluta familiarità con tecniche operative che non hanno, e non possono avere, paragoni di sorta su quei terreni impervi e ostili, oltre ad avere profonda conoscenza del territorio e dei suoi pericoli. Vogliamo ancora una volta rimarcare il fatto che le competenze primarie degli interventi di soccorso in montagna, ivi incluso il recupero delle salme, è del Cnsas, in quanto lo Stato ci ha attribuito questo ruolo in modo inequivocabile. Il quotidiano e stretto rapporto con i Servizi Sanitari Regionali da anni permette di effettuare innumerevoli interventi nelle condizioni più estreme, frutto di una continua formazione reciproca che porta gli operatori ad essere pronti a risolvere le più variegate tipologie di emergenze in territorio impervio ed ostile e ad essere a disposizione della Protezione Civile nei momenti in cui è necessario il nostro supporto. Possiamo inoltre immaginare i costi di un elicottero che non parte dal Friuli o dal vicino Bellunese, ma addirittura da Bologna. In più, oltre ad allungare i tempi di recupero dato il lungo trasferimento, viene a mancare una risorsa da impiegare su eventuali incidenti di competenza dei Vigili del fuoco, che potrebbero verificarsi nella loro zona di provenienza. Chi interverrebbe? Il Cnsas no di certo, non avendone la titolarità. L’intervento di individuazione e recupero si è concluso poco prima delle 14. Squadre a piedi avrebbero impiegato meno tempo. Speriamo vivamente che questo tipo di iniziativa non sia replicata e ci auguriamo non sia frutto esclusivo della ricerca di visibilità su competenze non proprie.

Il presidente del Cnsas Veneto
Rodolfo Selenati
Il presidente del Cnsas Friuli Venezia Giulia
Vladimiro Todesco

Related posts

Gli interventi di oggi sabato 18 agosto del Soccorso Alpino

Gli interventi di oggi sabato 18 agosto del Soccorso Alpino

Alpago (BL), 18 - 08 - 18 Sono gravi le condizioni di un ciclista che, perso il controllo della propria mountain bike, è caduto ed è ruzzolato per circa 200 metri in una scarpata, fermandosi sui tronchi a terra degli alberi. A lanciare l'allarme questa mattina poco prima delle 11 l'amico che si...

Comunicato Soccorso Alpino e Speleologico Veneto: PERDE LA VITA SULLE TRE CIME

Comunicato Soccorso Alpino e Speleologico Veneto: PERDE LA VITA SULLE TRE CIME

Belluno, 17 - 08 - 18 Questa mattina passate le 11 la centrale del Suem 118 ha ricevuto diverse chiamate di testimoni che avevano assistito alla caduta di una persona sulle Tre Cime di Lavaredo. Quando, dopo aver imbarcato due agenti di Sagf di Auronzo di Cadore, l'elicottero dell'Aiut...

INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO, MALORE MORTALE SULLE DOLOMITI DI SESTO

INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO, MALORE MORTALE SULLE DOLOMITI DI SESTO

Belluno, 12 - 08 - 18 Questa mattina passate le 8 è arrivato l'allarme al 118 per un alpinista infortunatosi a una gamba, dopo essere caduto all'altezza del 7° - 8° tiro dello Spigolo nord dell'Agner. Mentre una squadra del Soccorso alpino di Agordo si portava in Valle di San Lucano, dal...

Diversi interventi del Soccorso Alpino oggi 10 agosto 2018

Diversi interventi del Soccorso Alpino oggi 10 agosto 2018

Tambre (BL), 10 - 08 - 18 Attorno alle 11.30 il Soccorso alpino dell'Alpago è stato allertato per un escursionista infortunatosi. Salendo assieme al cugino il sentiero numero 923 in direzione del Rifugio Semenza, poco prima di raggiungerlo un diciassettenne di Milano ha messo male il piede...

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 09 - 08 - 18 Questa mattina alle 8 l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto sui ghiaioni alla base della parete del Civetta, all'attacco della via Philipp - Flamm, in comune di Alleghe, dove aiutato dal compagno si era calato un alpinista colpito da una scarica...

Interventi del Soccorso Alpino del 6 agosto 18 – Colata detritica Rio Rudan Peaio di Vodo di Cadore

Interventi del Soccorso Alpino del 6 agosto 18 - Colata detritica Rio Rudan Peaio di Vodo di Cadore

Poco prima di mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto sulle Tre Cime di Lavaredo, sugli ultimi tiri dello Spigolo Dibona, dove due alpinisti austriaci, B.K., 58 anni, e D.K., 35 anni, erano in difficoltà poiché non trovavano l'uscita della via. I due rocciatori sono...

Olimpiadi 2026: il Coni propone una candidatura unitaria italiana. Zaia: “Siamo in linea con Malagò”.

Olimpiadi 2026: il Coni propone una candidatura unitaria italiana. Zaia: “Siamo in linea con Malagò".

“Siamo in linea con la proposta di candidatura unitaria avanzata dal Coni e dal Presidente Malagò. Chiediamo di fare presto e che ci siano precise garanzie per tutti coloro che vogliono essere della partita”. Lo dichiara il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commentando l’annuncio...

Interventi del Soccorso Alpino a Cortina ed Auronzo

Interventi del Soccorso Alpino a Cortina ed Auronzo

Belluno, 29 - 07 - 18 Questa mattina il 118 è stato allertato per due alpinisti in difficoltà sulla Tofana di Rozes. I due, un uomo, A.L., 48 anni, di Quinto (TV), e una donna, S.B., 39 anni, di Casier (TV), avevano attaccato già ieri la via Eötvös - Dimai, ma arrivati a circa metà progressione...

Molti gli interventi del Soccorso Alpino di oggi 28 luglio 2018

Molti gli interventi del Soccorso Alpino di oggi 28 luglio 2018

Verso le 11 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sasso Bianco, nel comune di Canale d'Agordo, per un escursionista che si era fatto male già ieri. L'uomo, A.S., 50 anni, di Monte San Pietro (BO) ieri era scivolato dal sentiero, ruzzolando per una ventina di metri e...