TEST SIEROLOGICI A DIPENDENTI E CONSIGLIERI DEL COMUNE DI CORTINA D’AMPEZZO

TEST SIEROLOGICI A DIPENDENTI E CONSIGLIERI DEL COMUNE DI CORTINA D’AMPEZZO

Oggi i dipendenti del Comune e i consiglieri comunali saranno sottoposti (su base volontaria) al test sierologico Covid-19, questo non solo per la sicurezza del personale, ma anche per quella dei cittadini che interagiranno con loro.

Il test, veloce e affidabile, consente di identificare chi è venuto in contatto con il virus ed eventualmente se l’infezione è in atto o se la malattia è stata superata, in base ai diversi esiti di positività o negatività sulle immunoglobuline indagate. Qualora il test fosse positivo, sarà effettuato anche il tampone naso-oro-faringeo.

“Per i test sierologici” spiega il Sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina “ci siamo affidati al Centro di Medicina di Treviso, tra i primi laboratori di analisi del Veneto che si avvale di una nuova apparecchiatura della Abbott: l’azienda farmaceutica statunitense ha vinto, infatti, il bando indetto dal Ministero della Salute per la fornitura di test sierologici in Italia, nell’ambito dell’emergenza Coronavirus.

Il Test sierologico Covid-19 si terrà presso la sede Comunale presso l’Ufficio ex Urbanistica, dove è stata predisposta una saletta per i prelievi.

IL TEST:

Il test sierologico effettuato da Centro di medicina, rete di strutture sanitarie private e convenzionate del Veneto, messo a disposizione al Comune di Cortina per l’iniziativa rivolta alla sua popolazione dipendente è quello nazionale.

È il test IgG SARS-CoV-2, marcato CE ai sensi della Direttiva IVD (98/79/CE), che determina se una persona ha sviluppato anticorpi verso il Covid-19.

Si tratta del test Abbott, l’azienda statunitense leader mondiale nella produzione di dispositivi medici, vincitrice del bando indetto dal Ministero italiano della Salute per la fornitura di test sierologici in Italia nell’ambito dell’emergenza coronavirus.

A differenza dei test molecolari (il tampone) che rilevano la presenza del virus, i test anticorpali determinano se la persona è entrata in contatto con il virus sviluppando la risposta anticorpale.

Il test IgG SARS-CoV-2 di Abbott identifica l’anticorpo IgG, una proteina prodotta dall’organismo che persiste a lungo. Le IgG vengono analizzate con tecnologia immunologica a chemiluminescenza (CMIA) completamente automatizzata.

Tale metodica misura la presenza delle IgG in unità di luce relativa (RLU), si ha quindi una misurazione diretta ed univoca.

L’elevata sensibilità (100% a 14 giorni da insorgenza sintomi) e specificità (99,6%) ne attestano l’affidabilità che gli è valsa l’aggiudicazione della gara nazionale.

L’esame delle IgM viene effettuato invece con metodo ELISA, che si basa sull’attività enzimatica per rilevare gli anticorpi, anch’esso metodo riconosciuto per affidabilità.

Il test si effettua con prelievo venoso e l’esito viene fornito in tempi brevi (entro le 24-48 ore). I prelievi vengono effettuati secondo modalità che consentano il rispetto delle norme di sicurezza in vigore in questo periodo.

IL PROTOCOLLO DI GESTIONE DEI CASI POSITIVI:

Qualora il test sierologico risultasse positivo ad uno o entrambi gli anticorpi o nei casi clinici sospetti va eseguito il tampone per il rilevamento del virus SARS-CoV-2, quindi sarà necessario avvisare il medico curante.
Per questo il paziente viene preso in carico e comunicato all’ente, al paziente e al suo medico di medicina generale il caso. Con il nostro partner abbiamo validato un algoritmo completo che prevede la gestione ed il contatto telefonico da parte di un medico per ciascun paziente positivo; una segreteria dedicata è sempre disponibile dalle 8 alle 18. Se il test risulta negativo significa invece che non vi è presenza degli anticorpi IgM e IgG, quindi, la persona presumibilmente non è entrata in contatto con l’antigene o si trova all’interno del periodo di latenza/incubazione del virus.

UNA CONSIDERAZIONE SUL METODO UTILIZZATO E LA GESTIONE IN SICUREZZA DELL’EVENTO:

Superata la fase in cui gli unici test disponibili erano quelli rapidi (immunocromatografico), oggi i test sierologici su piattaforme da laboratorio clinico sono automatizzati ad elevatissima specificità e sensibilità. Questo consente di avere molti meno “falsi positivi” (il test è positivo ma sono sano) e meno “falsi negativi” (il test è negativo ma in realtà sono positivo -infetto/sono stato infettato).

Assume quindi importanza il metodo: che può essere a chemiluminescenza o ELISA per il test anticorpale; PCR (tampone) per il molecolare.

Inoltre, assume importanza la gestione dell’evento / giornata prelievi in sicurezza, con la misurazione della temperatura in ingresso, la garanzia del distanziamento social e la sicurezza dei prelievi secondo le procedure standard. Il personale amministrativo la catena della custodia dei dati sensibili: modulistica privacy e gestione del dato del paziente.

IL MINISTERO DELLA SALUTE E LA CIRCOLARE DEL 9 MAGGIO 2020 CHE VALORIZZA L’UTILIZZO DEI TEST SIEROLOGICI NAZIONALI:

Al riguardo, in merito all’affidabilità dei test sierologici si fa presente che la qualità e l’affidabilità di un test dipendono in particolare dalle due caratteristiche di specificità e sensibilità, e pertanto, sebbene non sussistano in relazione ad esse obblighi di legge, è fortemente raccomandato l’utilizzo di test del tipo CLIA e/o ELISA che abbiano una specificità non inferiore al 95% e una sensibilità non inferiore al 90%, al fine di ridurre il numero di risultati falsi positivi e falsi negativi. Al di sotto di tali soglie, l’affidabilità del risultato ottenuto non è adeguata alle finalità per cui i test vengono eseguiti.

IL LABORATORIO ANALISI CENTRO DI MEDICINA:

Tra i primi Laboratori Analisi privati in Veneto, quello del Gruppo Centro di medicina ha installato e reso operativa la nuova apparecchiatura Abbott. Dislocato a Conegliano, è di riferimento per una rete di 40 punti prelievo totali, tra interni ed esterni, e referta ogni anno oltre 1.5 milioni di esami l’anno. Ha già processato da aprile oltre 12 mila test sierologici. Referente dell’attività diagnostica è il Dott. Ferruccio Mazzanti, medico chirurgo specializzato in Biologia Clinica, che coordina una equipe di biologi e tecnici di laboratorio. “In questo modo rendiamo fruibile ad aziende, Enti associazioni uno strumento che potrà aiutare a individuare chi è venuto a contatto con il virus, contribuendo ad aumentare la fiducia verso la fase 2 del Paese, ora che ci apprestiamo a tornare gradualmente alla nostra vita – spiega il Dott. Ferruccio Mazzanti – Ma che anche ci candida a partecipare a quella indagine epidemiologica per una nuova e più realistica radiografia dell’Italia colpita dal Covid-19.

logo

Related posts

Recuperate due escursioniste di nazionalità Belga verso il Rifugio Vandelli

Recuperate due escursioniste di nazionalità Belga verso il Rifugio Vandelli

Alle 15.30 circa il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato per due escursioniste in difficoltà nel Gruppo del Sorapiss. Le due donne di 41 e 42 anni, di nazionalità Belga, stavano scendendo lungo il sentiero numero 216 da Forcella Marcuoira verso il Rifugio Vandelli, quando, anziché...

SETTE NUOVI OPERATORI PER IL SOCCORSO IN FORRA

SETTE NUOVI OPERATORI PER IL SOCCORSO IN FORRA

Sette nuovi operatori per il Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto. Dopo due intensi giorni di verifiche in Val del Mus a Sedico e in Cajada a Longarone, questo fine settimana sette soccorritori, provenienti dalle Stazioni di tutta la regione, hanno superato l'esame ciascuno...

AFFLUENZA ALLE URNE

AFFLUENZA ALLE URNE

Di seguito l'affluenza alle urne nei Comuni della Provincia di Belluno. Si vota fino alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre. In seguito inizieranno le operazioni di spoglio. Dati della prefettura di Belluno.

Soccorso Alpino oggi sull’Antelao, Agner e Rifugio Vandelli

Soccorso Alpino oggi sull'Antelao, Agner e Rifugio Vandelli

Alle 13.50 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è stato inviato a metà della via normale all'Antelao, a San Vito di Cadore, per un escursionista di Mogliano Veneto (TV), F.T., 51 anni, che si era slogato una caviglia scendendo. L'uomo, che si trovava con altre persone, aveva tentato di...

ANZIANO SI INFORTUNA IN ALPAGO

ANZIANO SI INFORTUNA IN ALPAGO

Alpago (BL), 19 - 09 - 20 Alle 7.30 il Soccorso alpino dell'Alpago è stato allertato per un cacciatore di 92 anni, infortunatosi un chilometro circa sopra la casa cantoniera di Santa Croce a Puos d'Alpago, a dare l'allarme il compagno di caccia ottantaseienne che era con lui. L'anziano di Ponte...

ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ,  A BORCA, LUNGO L’ALTA VIA NUMERO 1

ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ, A BORCA, LUNGO L'ALTA VIA NUMERO 1

Borca di Cadore (BL), 18 - 09 - 20 Alle 10.40 circa la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino della Val Fiorentina per un escursionista che aveva avuto dei problemi nel tratto dell'alta Via numero 1 tra il Rifugio Città di Fiume e il Venezia. Al momento di scendere da Forcella...

CORTINA DOLOMITI: ONLINE IL SECONDO NUMERO DELLA RIVISTA DIGITALE

CORTINA DOLOMITI: ONLINE IL SECONDO NUMERO DELLA RIVISTA DIGITALE

Benvenuto Autunno. Cortina Marketing saluta la nuova stagione con il secondo numero della rivista Cortina Dolomiti, online da oggi al seguente link: https://indd.adobe.com/view/c4cd2733-2c34-40c2-a795-226c4fb9ae38 Il numero racconta la stagione dei colori attraverso le iniziative del...

SCOOP! LE COOPERATIVE BELLUNESI E TREVIGIANE IN FESTA A CORTINA D’AMPEZZO SABATO 19 SETTEMBRE

SCOOP! LE COOPERATIVE BELLUNESI E TREVIGIANE IN FESTA A CORTINA D’AMPEZZO SABATO 19 SETTEMBRE

La manifestazione, ideata e realizzata da Confcooperative Belluno e Treviso per promuovere la ricchezza del mondo cooperativo bellunese e trevigiano in modo esperienziale, torna per il secondo anno consecutivo nella Regina delle Dolomiti con un ricco programma di eventi nati dalla collaborazione...

A CORTINA ESCURSIONISTA SCIVOLA E SBATTE LA TESTA

A CORTINA ESCURSIONISTA SCIVOLA E SBATTE LA TESTA

Cortina d'Ampezzo (BL), 14 - 09 - 20 Attorno alle 13.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il sentiero che sale al Rifugio Nuvolau, per un'escursionista che era scivolata e aveva sbattuto la testa. Raggiunta dal tecnico di elisoccorso e dal medico sbarcati in hovering...