VINCOLI COMELICO, APPROVATO L’ORDINE DEL GIORNO DELLA PROVINCIA.

VINCOLI COMELICO, APPROVATO L’ORDINE DEL GIORNO DELLA PROVINCIA.

Il consiglio provinciale di Belluno ha deliberato ieri da Santo Stefano di Cadore l’ordine del giorno che prende posizione contro il decreto di “Dichiarazione di notevole interesse pubblico dell’area alpina compresa tra il Comelico e la Val d’Ansiei”. Il documento, approvato all’unanimità, alla presenza di numerosi cittadini e dei sindaci dei Comuni implicati nei vincoli paesaggistici, definisce il provvedimento del Mibact «ingiustificato e inopportuno, destinato a complicare in futuro la vita e le iniziative locali»; e dà mandato al presidente della Provincia di intraprendere tutte le strade percorribili per contrastare l’imposizione vincolistica.
«Faremo senza dubbio ricorso al Tar, in accordo con la Regione Veneto e con i Comuni coinvolti – afferma il presidente Roberto Padrin -. La montagna va tutelata, ma anche valorizzata, con interventi infrastrutturali che devono essere compatibili con l’ambiente, ma che al tempo stesso non possono non essere funzionali al territorio. Il fenomeno dello spopolamento è preoccupante; una montagna non vissuta significa una montagna morta. Ecco perché abbiamo presentato un documento al ministro Boccia con proposte concrete. I vincoli invece contribuiscono a far morire la montagna. Da parte nostra quindi il massimo sostegno possibile in qualsiasi ambito, quando qualcuno distante da noi cerca di metterci il bavaglio. Il segnale che vogliamo dare, con questo consiglio che per la prima volta esce da Palazzo Piloni per incontrare il territorio, è proprio questo: da una parte la concretezza del ricorso al Tar, dall’altra la vicinanza alle comunità di Auronzo e del Comelico».
I consiglieri provinciali Massimo Bortoluzzi e Ivan Minella sono entrati nel dettaglio di cosa comportano i nuovi vincoli imposti sui Comuni di Auronzo, Danta, Santo Stefano, San Pietro, San Nicolò e Comelico Superiore. Dal consigliere Pier Luigi Svaluto Ferro, invece, una provocazione: «La Provincia abbia il coraggio di uscire dalla Fondazione Dolomiti Unesco, per rendere più evidente la differenza tra la montagna in cui “nevica firmato” e la montagna come il Comelico che soffre e ha bisogno di un’occhio di riguardo. Questo aiuto doveva essere uno dei compiti della Fondazione Dolomiti Unesco, far crescere anche dal punto di vista economico il territorio».

logo

Related posts

Tre arresti e due denunce tra Primiero e Bellunese. Avevano ucciso anche un’aquila reale

Tre arresti e due denunce tra Primiero e Bellunese. Avevano ucciso anche un’aquila reale

Impiegavano armi clandestine e modificate per abbattimenti illegali: organizzazione fermata dal Corpo forestale del Trentino È stata posta a termine dal Corpo forestale del Trentino l’attività di bracconaggio di un gruppo organizzato che operava - anche con l’impiego di armi illegali - nei...

CHIUSA LA CICLABILE TRA FIAMES E CIMABANCHE

CHIUSA LA CICLABILE TRA FIAMES E CIMABANCHE

"A causa della bomba d’acqua verificatasi venerdì 5 agosto che ha gravemente compromesso parte della nostra ciclabile", scrive il sindaco Gianluca Lorenzi in una nota, "si è reso necessario vietarne l’accesso nel tratto compreso tra Fiames e Cimabanche. Non abbiamo trattato l’argomento con...

A CENCENIGHE LA MOSTRA “PRIMA DELL’ALBA – DOLOMITI BELLUNESI”

A CENCENIGHE LA MOSTRA "PRIMA DELL’ALBA – DOLOMITI BELLUNESI"

La mostra PRIMA DELL’ALBA – DOLOMITI BELLUNESI, che si terrà dal 16 agosto al 4 settembre 2022 presso il circolo culturale Nof Filò di Cencenighe Agordino, è incentrata su un’accurata selezione di opere del lavoro decennale dell’artista Vladek Cwalinski sulle Dolomiti bellunesi, in particolare...

INTERVENTI IN MONTAGNA

INTERVENTI IN MONTAGNA

Verso le 16.30, ieri, una squadra del Soccorso alpino della Guardia di finanza e intervenuta nei pressi del Rifugio Auronzo, dove si trovava un'escursionista 58enne di Poggibonsi (SI), che aveva riportato un sospetto trauma alla spalla. La donna è stata poi recuperata dall'elicottero di Dolomiti...

INTERVENTI IN MONTAGNA A CORTINA D’AMPEZZO E CESIOMAGGIORE

INTERVENTI IN MONTAGNA A CORTINA D'AMPEZZO E CESIOMAGGIORE

Questa mattina l'elicottero di Dolomiti Emergency è intervenuto nella zona delle Cinque Torri, dove, scalando una via breve nelle vicinanze della Torre Inglese, un diciannovenne di Firenze aveva riportato una sospetta distorsione al ginocchio. Poiché non era possibile per il compagno calarlo...

SCIVOLA NEL BOSCO IN CERCA DI FUNGHI

SCIVOLA NEL BOSCO IN CERCA DI FUNGHI

Verso le 10 la Centrale del Suem è stata allertata per una donna scivolata nei boschi sotto Passo Monte Croce. La 73enne di Treviso era scesa in cerca di funghi con il marito nelle vicinanze della cascata del Pissandol, salvo chiamare al cellulare l'uomo, risalito prima di lei, dicendogli che...

FRANA SUL PELMO: NESSUN COINVOLTO

FRANA SUL PELMO: NESSUN COINVOLTO

Stanno rientrando le squadre del Soccorso alpino della Val Fiorentina e del distaccamento di Selva di Cadore dei Vigili del fuoco volontari, salite per un primo sopralluogo sotto il Monte Pelmo, dalla cui parete nord questa mattina poco prima delle 8 è avvenuto un crollo, ripreso da molte...

SCARICA DI ROCCIA SUL PELMO, SOCCORSO ALPINO SUL POSTO

SCARICA DI ROCCIA SUL PELMO, SOCCORSO ALPINO SUL POSTO

Il Soccorso alpino della Val Fiorentina è impegnato nel sopralluogo dell'area interessata, questa mattina verso le 8, da una scarica di roccia crollata dal Monte Pelmo, per escludere la presenza di persone coinvolte.

Venerdì 12 agosto con CortinAteatro l’opera lirica salirà in quota.

Venerdì 12 agosto con CortinAteatro l’opera lirica salirà in quota.

Venerdì 12 agosto con CortinAteatro l’opera lirica salirà in quota: alle 20.45 all’Alexander Girardi Hall di Cortina d’Ampezzo, Belluno, “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti, su libretto di Felice Romani, andrà in scena nell’ambito della stagione concertistica e teatrale promossa e sostenuta...