MALTEMPO, BORTOLUZZI:  «PAGHIAMO A DURO PREZZO GLI EFFETTI DELLO SPOPOLAMENTO».

MALTEMPO, BORTOLUZZI: «PAGHIAMO A DURO PREZZO GLI EFFETTI DELLO SPOPOLAMENTO».

La situazione meteo è in miglioramento. E al momento non si registrano nuove criticità rispetto a quelle emerse con la perturbazione di domenica, tranne una frana a Dont di Zoldo, un dissesto dovuto a ruscellamento d’acqua a Presenaio (San Pietro di Cadore) lunedì sera, e un altro simile a Borgata Tamber (Santo Stefano di Cadore).
«I tecnici della Difesa del Suolo sono usciti in sopralluogo nelle zone che avevano rilevato frane e smottamenti negli ultimi giorni e stanno monitorando il territorio – afferma il consigliere provinciale delegato Massimo Bortoluzzi -. Al momento sono in contatto con il sindaco di Val di Zoldo per la frana di Dont e con il sindaco di Alleghe per tenere sotto controllo la situazione. Non abbiamo notizia di altre criticità e l’ondata di maltempo sta passando. Quindi direi che stiamo rientrando nella normalità. Da domani potremo fare la ricognizione definitiva e programmare gli interventi di ripristino e messa in sicurezza».
Le previsioni meteo, infatti, parlano di condizioni decisamente migliori per i prossimi giorni, con possibilità di qualche altra precipitazione tra venerdì e sabato. Si tratterà comunque di piogge non eccezionali.
«Le precipitazioni degli ultimi giorni sono state importanti, ma non hanno raggiunto quantitativi esagerati – prosegue Massimo Bortoluzzi -. Eppure i danni si sono verificati lo stesso. Perché? Sicuramente perché il territorio presenta ancora le ferite di Vaia. Ma anche perché manca la manutenzione continua e costante. In questo senso, paghiamo a caro prezzo lo spopolamento della montagna. Una volta, veniva eseguita una serie di grandi piccole operazioni che si rivelavano fondamentali nella difesa del suolo, dalla piccola regimazione delle acque alle opere idrauliche secondarie, dallo sfalcio dei prati alla raccolta del fogliame. Tutte operazioni che rendevano il terreno più pronto a ricevere le precipitazioni autunnali e che invece oggi mancano. Di conseguenza, l’acqua scorre molto più velocemente, non viene assorbita dai prati e causa piene immediate di fiumi e torrenti. Per evitare ogni volta la conta dei danni, abbiamo bisogno di strumenti che ci consentano di contrastare veramente lo spopolamento. Non abbiamo bisogno invece dei vincoli che già oggi non ci permettono di fare le opere che servirebbero. In questo senso vanno ripensati i vincoli nuovi su Auronzo e sul Comelico, dove oggi sono concentrati diversi problemi di frane e smottamenti: in quelle zone della nostra montagna l’abbandono del territorio rischia di subire un’accelerazione con l’imposizione di nuovi vincoli; e di conseguenza, anche i dissesti rischiano di accelerare».

logo

Related posts

Coronavirus: Nuova ordinanza della Regione Veneto

Coronavirus: Nuova ordinanza della Regione Veneto

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha presentato oggi una nuova ordinanza in vigore dal 1 giugno fino al 14 giugno, come il Dpcm. Tra le novità più significativa scompare l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto, ad eccezione che nei luoghi pubblici o dove non è possibile garantire il...

ANAS: CONSEGNATI I LAVORI DI QUATTRO INTERVENTI DEL PIANO CORTINA 2021 SULLA STATALE 51 “DI ALEMAGNA”

ANAS: CONSEGNATI I LAVORI DI QUATTRO INTERVENTI DEL PIANO CORTINA 2021 SULLA STATALE 51 “DI ALEMAGNA”

Anas (Gruppo FS Italiane) ha consegnato alle imprese aggiudicatarie i lavori di realizzazione di quattro interventi ricompresi nel Piano di Potenziamento della Viabilità per l’appuntamento dei Mondiali di sci 2021 che prevedono l’adeguamento della statale 51 “di Alemagna” nell’ambito dei...

CORONAVIRUS: SCENDONO A  7  I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

CORONAVIRUS: SCENDONO A 7 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Scende ancora il numero dei positivi da Covid-19 a Cortina d’Ampezzo. Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, con un atteggiamento votato alla trasparenza, continua ad informare la cittadinanza sulla situazione inerente il Covid -19. Venerdì 17 aprile per la prima volta...

Cortina: un’estate di benessere e salute

Cortina: un'estate di benessere e salute

Vacanze in alta quota, lontano dalla città, dal caos, dall’inquinamento, immersi nella natura. La montagna, quest'anno più che mai, è il luogo ideale per ritrovare il benessere psicofisico. Proprio con l'obiettivo di prendersi cura dei suoi ospiti e proporre una “vacanza in salute”, Cortina per...

Dal 1° giugno 2020 è necessaria la prenotazione per accedere ai Centri prelievo

Dal 1° giugno 2020 è necessaria la prenotazione per accedere ai Centri prelievo

Dal 1° giugno 2020 prelievi senza fila all’Ulss Dolomiti. Per accedere ai Laboratorio analisi e Centri Prelievi ospedalieri dell’Ulss Dolomiti sarà necessaria la prenotazione del proprio turno. In questo modo, il cittadino risparmierà tempo e troverà un ambiente ancor più sicuro, con un flusso...

CORONAVIRUS: SCENDONO A 8 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

CORONAVIRUS: SCENDONO A 8 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Scende ancora il numero dei positivi da Covid-19 a Cortina d’Ampezzo. Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, con un atteggiamento votato alla trasparenza, continua ad informare la cittadinanza sulla situazione inerente il Covid -19. Venerdì 17 aprile per la prima volta...

Dolomiti SuperSummer: si parte il 30 maggio in Lagazuoi

Dolomiti SuperSummer: si parte il 30 maggio in Lagazuoi

Dopo le lunghe settimane di lockdown a causa del Coronavirus, anche il turismo sulle Dolomiti ha voglia di ripartire. Durante il prossimo fine settimana aprirà i battenti ufficialmente il Dolomiti SuperSummer, alter ego estivo di Dolomiti Superski, che offre il servizio di trasporto con 107...

TROVATO IL CORPO SENZA VITA DI CARLO MANFROI

TROVATO IL CORPO SENZA VITA DI CARLO MANFROI

Cencenighe Agordino (BL), 26 - 05 - 20 È stato individuato poco dopo mezzogiorno il corpo senza vita di Carlo Manfroi, 63 anni, di Cencenighe Agordino (BL), uscito sabato per una passeggiata, come d'abitudine, e non più rientrato. Una squadra del Soccorso alpino di Agordo e della Guardia di...

RICERCA IN CORSO TRA BELLUNO E PORDENONE

RICERCA IN CORSO TRA BELLUNO E PORDENONE

Aviano (PN), 26 - 05 - 20 Il Soccorso alpino dell'Alpago sta intervenendo in zona Semenza, Forcella Bassa, comune di Tambre, in supporto al Soccorso alpino di Pordenone impegnato nella ricerca di un quarantenne bolognese, di cui non si hanno notizie da alcuni giorni e la cui auto è stata...