DANNI DA FAUNA SELVATICA: LA PROVINCIA TUTELA GLI AGRICOLTORI.

DANNI DA FAUNA SELVATICA: LA PROVINCIA TUTELA GLI AGRICOLTORI.

La Provincia di Belluno ha precorso i tempi nell’appoggio alle attività agricole. «Con l’istituzione del “Tavolo verde” abbiamo cominciato un rapporto di collaborazione stretta con gli agricoltori» afferma il consigliere provinciale delegato Franco De Bon. «In altre zone d’Italia, si stanno cercando gli strumenti per contrastare i danni provocati dalla fauna selvatica. A Belluno siamo un passo avanti. E potremmo spendere la nostra realtà come esempio di buone pratiche esportabili anche altrove».
Il riferimento è al “Tavolo verde” istituito dalla Provincia nel mese di maggio. Si tratta di uno strumento che mette in relazione le esigenze delle aziende agricole con le conoscenze e le tecniche del mondo venatorio. L’obiettivo è quello del controllo mirato della fauna selvatica, in particolare degli ungulati.
«Ogni anno si registrano nel Bellunese diversi danni provocati alle colture e ai pascoli di montagna da fauna selvatica, in particolare dai cinghiali – sottolinea Franco De Bon -. Nel 2018, ad esempio, abbiamo avuto oltre 164mila euro di danni stimati e quasi 80mila euro di danni liquidati, per 53 domande di risarcimento. Numeri che testimoniano l’impatto di questo animale sull’agricoltura bellunese. Abbiamo quindi il dovere di tutelare le produzioni locali, in particolare quelle di qualità che danno lustro al nostro territorio. Gli allevatori e gli agricoltori costituiscono un presidio dei territori montani. Le Dolomiti hanno meritato il titolo di patrimonio dell’Umanità grazie al valore paesaggistico, definito anche attraverso il lavoro dell’agricoltura. Senza contare che nell’agenda 2030 dell’Onu sullo sviluppo sostenibile, uno degli obiettivi è proprio la conservazione della biodiversità, resa possibile grazie all’attività delle malghe e dell’alpeggio, in grado di garantire uno sfalcio sistematico dei prati, contro l’avanzata del bosco. È quindi doveroso e necessario che la politica si adoperi per risolvere le criticità della fauna selvatica impattante. E il “Tavolo verde” va proprio in questa direzione».
Quanto al problema specifico dei cinghiali, per i quali è impossibile fare una stima della popolazione presente nel Bellunese, è stato licenziato un numero adeguato di operatori, che sono stati formati dalla Provincia, e che d’intesa con le riserve alpine di caccia, e sotto la regia della Polizia Provinciale, possono operare su tutto il territorio.
«Abbiamo ricevuto il parere positivo da parte dell’Ispra per poter effettuare il controllo 365 giorni l’anno e 24 ore su 24, e abbiamo abilitato 1.405 controllori – prosegue Franco De Bon -. L’eradicazione del cinghiale è una necessità per il nostro territorio; e proprio per questo abbiamo predisposto il piano di controllo».

In foto Roberto Padrin, Presidente della Provincia di Belluno.

Related posts

Attività motoria per la terza età

Attività motoria per la terza età

L'assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Cortina d'Ampezzo e l’Azienda Speciale Servizi alla Persona ASSP Cortina, informano che da lunedì 29 gennaio saranno aperte le iscrizioni per il I° ciclo 2020 di attività motoria per la terza età presso la palestra, dell’Associazione “Fitness Club...

Alcune strade restano chiuse in occasione della Dobbiaco-Cortina

Alcune strade restano chiuse in occasione della Dobbiaco-Cortina

27 GENNAIO – GIORNO DELLA MEMORIA

27 GENNAIO – GIORNO DELLA MEMORIA

“La memoria ci sostiene e ci guida nella scelta del bene contro il male, ci indica la strada per essere giusti, come coloro che hanno combattuto ed aiutato il popolo degli oppressi”. Con queste parole il Prefetto di Belluno, Adriana Cogode, ha voluto portare il suo saluto alle autorità e agli...

CORONAVIRUS: PRONTA TASK FORCE IN VENETO.

CORONAVIRUS: PRONTA TASK FORCE IN VENETO.

L’assessorato alla Sanità della Regione del Veneto ha diffuso, oggi, a tutte le aziende sanitarie ed ospedaliere gli aggiornamenti alla circolare ministeriale ed una nota informativa sulla Polmonite da nuovo Coronavirus in Cina. “Come Regione Veneto, tramite la Direzione Prevenzione e le...

DUE SOCCORSI A CORTINA D’AMPEZZO

DUE SOCCORSI A CORTINA D'AMPEZZO

Cortina d'Ampezzo (BL), 25 - 01 - 20 Attorno alle 11 il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato dalla Centrale del 118 per un infortunio in località Sant'Uberto, conosciuta anche come Turniché. Diretti in Val di Fanes, infatti, un gruppo di ciaspolatori aveva preso un sentierino scendendo...

AL VIA I LAVORI PER L’AMMODERNAMENTO DEL “NODO” DI LONGARONE LUNGO LA STRADA STATALE ALEMAGNA

AL VIA I LAVORI PER L’AMMODERNAMENTO DEL “NODO” DI LONGARONE LUNGO LA STRADA STATALE ALEMAGNA

Si è tenuto ieri, a Palazzo dei Rettori, un incontro per l’esame delle possibili problematiche per la circolazione stradale derivanti dall’imminente avvio  dei lavori di ammodernamento della Statale 51 di Alemagna, all’altezza di Longarone. Gli interventi, rientranti nel piano straordinario di...

I Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards premiano l’anima high tech della montagna.

I Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards premiano l’anima high tech della montagna.

Dalla Silicon Valley alla Silicon Mountain. Nel nostro immaginario la tecnologia nasce in ambito urbano, tra palazzi di vetro e periferie industriali riconvertite in fucine di start up. Ma il Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards ribalta questo cliché e ci spinge a guardare in alto, verso le...

A Cortina il BOAT International Superyacht Design Festival.

A Cortina il BOAT International Superyacht Design Festival.

Cortina d'Ampezzo, dall'orizzonte sconfinato del mare allo skyline iconico delle Dolomiti: il Superyacht Design Festival, in associazione con Riva, è al centro della scena a Cortina d'Ampezzo, a 1.224 metri di altitudine. Per due giorni, dal 2 al 4 febbraio 2020, i nomi più autorevoli nel...

Lavori al Codivilla: l’ortopedia si trasferisce a Pieve.

Lavori al Codivilla: l'ortopedia si trasferisce a Pieve.

L’Ortopedia dell’Ospedale di Cortina si trasferisce all’Ospedale Giovanni Paolo II di Pieve di Cadore durante la ristrutturazione del Padiglione Codivilla. Sarà quindi garantita la continuità dell’attività ortopedica, molto rilevante per una zona ad elevato flusso turistico. L’Ulss Dolomiti...