DANNI DA FAUNA SELVATICA: LA PROVINCIA TUTELA GLI AGRICOLTORI.

DANNI DA FAUNA SELVATICA: LA PROVINCIA TUTELA GLI AGRICOLTORI.

La Provincia di Belluno ha precorso i tempi nell’appoggio alle attività agricole. «Con l’istituzione del “Tavolo verde” abbiamo cominciato un rapporto di collaborazione stretta con gli agricoltori» afferma il consigliere provinciale delegato Franco De Bon. «In altre zone d’Italia, si stanno cercando gli strumenti per contrastare i danni provocati dalla fauna selvatica. A Belluno siamo un passo avanti. E potremmo spendere la nostra realtà come esempio di buone pratiche esportabili anche altrove».
Il riferimento è al “Tavolo verde” istituito dalla Provincia nel mese di maggio. Si tratta di uno strumento che mette in relazione le esigenze delle aziende agricole con le conoscenze e le tecniche del mondo venatorio. L’obiettivo è quello del controllo mirato della fauna selvatica, in particolare degli ungulati.
«Ogni anno si registrano nel Bellunese diversi danni provocati alle colture e ai pascoli di montagna da fauna selvatica, in particolare dai cinghiali – sottolinea Franco De Bon -. Nel 2018, ad esempio, abbiamo avuto oltre 164mila euro di danni stimati e quasi 80mila euro di danni liquidati, per 53 domande di risarcimento. Numeri che testimoniano l’impatto di questo animale sull’agricoltura bellunese. Abbiamo quindi il dovere di tutelare le produzioni locali, in particolare quelle di qualità che danno lustro al nostro territorio. Gli allevatori e gli agricoltori costituiscono un presidio dei territori montani. Le Dolomiti hanno meritato il titolo di patrimonio dell’Umanità grazie al valore paesaggistico, definito anche attraverso il lavoro dell’agricoltura. Senza contare che nell’agenda 2030 dell’Onu sullo sviluppo sostenibile, uno degli obiettivi è proprio la conservazione della biodiversità, resa possibile grazie all’attività delle malghe e dell’alpeggio, in grado di garantire uno sfalcio sistematico dei prati, contro l’avanzata del bosco. È quindi doveroso e necessario che la politica si adoperi per risolvere le criticità della fauna selvatica impattante. E il “Tavolo verde” va proprio in questa direzione».
Quanto al problema specifico dei cinghiali, per i quali è impossibile fare una stima della popolazione presente nel Bellunese, è stato licenziato un numero adeguato di operatori, che sono stati formati dalla Provincia, e che d’intesa con le riserve alpine di caccia, e sotto la regia della Polizia Provinciale, possono operare su tutto il territorio.
«Abbiamo ricevuto il parere positivo da parte dell’Ispra per poter effettuare il controllo 365 giorni l’anno e 24 ore su 24, e abbiamo abilitato 1.405 controllori – prosegue Franco De Bon -. L’eradicazione del cinghiale è una necessità per il nostro territorio; e proprio per questo abbiamo predisposto il piano di controllo».

In foto Roberto Padrin, Presidente della Provincia di Belluno.

logo

Related posts

Coronavirus: Nuova ordinanza della Regione Veneto

Coronavirus: Nuova ordinanza della Regione Veneto

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha presentato oggi una nuova ordinanza in vigore dal 1 giugno fino al 14 giugno, come il Dpcm. Tra le novità più significativa scompare l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto, ad eccezione che nei luoghi pubblici o dove non è possibile garantire il...

ANAS: CONSEGNATI I LAVORI DI QUATTRO INTERVENTI DEL PIANO CORTINA 2021 SULLA STATALE 51 “DI ALEMAGNA”

ANAS: CONSEGNATI I LAVORI DI QUATTRO INTERVENTI DEL PIANO CORTINA 2021 SULLA STATALE 51 “DI ALEMAGNA”

Anas (Gruppo FS Italiane) ha consegnato alle imprese aggiudicatarie i lavori di realizzazione di quattro interventi ricompresi nel Piano di Potenziamento della Viabilità per l’appuntamento dei Mondiali di sci 2021 che prevedono l’adeguamento della statale 51 “di Alemagna” nell’ambito dei...

CORONAVIRUS: SCENDONO A  7  I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

CORONAVIRUS: SCENDONO A 7 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Scende ancora il numero dei positivi da Covid-19 a Cortina d’Ampezzo. Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, con un atteggiamento votato alla trasparenza, continua ad informare la cittadinanza sulla situazione inerente il Covid -19. Venerdì 17 aprile per la prima volta...

Cortina: un’estate di benessere e salute

Cortina: un'estate di benessere e salute

Vacanze in alta quota, lontano dalla città, dal caos, dall’inquinamento, immersi nella natura. La montagna, quest'anno più che mai, è il luogo ideale per ritrovare il benessere psicofisico. Proprio con l'obiettivo di prendersi cura dei suoi ospiti e proporre una “vacanza in salute”, Cortina per...

Dal 1° giugno 2020 è necessaria la prenotazione per accedere ai Centri prelievo

Dal 1° giugno 2020 è necessaria la prenotazione per accedere ai Centri prelievo

Dal 1° giugno 2020 prelievi senza fila all’Ulss Dolomiti. Per accedere ai Laboratorio analisi e Centri Prelievi ospedalieri dell’Ulss Dolomiti sarà necessaria la prenotazione del proprio turno. In questo modo, il cittadino risparmierà tempo e troverà un ambiente ancor più sicuro, con un flusso...

CORONAVIRUS: SCENDONO A 8 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

CORONAVIRUS: SCENDONO A 8 I POSITIVI A CORTINA D’AMPEZZO

Scende ancora il numero dei positivi da Covid-19 a Cortina d’Ampezzo. Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Gianpietro Ghedina, con un atteggiamento votato alla trasparenza, continua ad informare la cittadinanza sulla situazione inerente il Covid -19. Venerdì 17 aprile per la prima volta...

Dolomiti SuperSummer: si parte il 30 maggio in Lagazuoi

Dolomiti SuperSummer: si parte il 30 maggio in Lagazuoi

Dopo le lunghe settimane di lockdown a causa del Coronavirus, anche il turismo sulle Dolomiti ha voglia di ripartire. Durante il prossimo fine settimana aprirà i battenti ufficialmente il Dolomiti SuperSummer, alter ego estivo di Dolomiti Superski, che offre il servizio di trasporto con 107...

TROVATO IL CORPO SENZA VITA DI CARLO MANFROI

TROVATO IL CORPO SENZA VITA DI CARLO MANFROI

Cencenighe Agordino (BL), 26 - 05 - 20 È stato individuato poco dopo mezzogiorno il corpo senza vita di Carlo Manfroi, 63 anni, di Cencenighe Agordino (BL), uscito sabato per una passeggiata, come d'abitudine, e non più rientrato. Una squadra del Soccorso alpino di Agordo e della Guardia di...

RICERCA IN CORSO TRA BELLUNO E PORDENONE

RICERCA IN CORSO TRA BELLUNO E PORDENONE

Aviano (PN), 26 - 05 - 20 Il Soccorso alpino dell'Alpago sta intervenendo in zona Semenza, Forcella Bassa, comune di Tambre, in supporto al Soccorso alpino di Pordenone impegnato nella ricerca di un quarantenne bolognese, di cui non si hanno notizie da alcuni giorni e la cui auto è stata...