LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE:  QUESTO NON E’ AMORE.

LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE: QUESTO NON E’ AMORE.

Questura di Belluno

COMUNICATO STAMPA 14 February 2017
LA POLIZIA DI STATO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE:
QUESTO NON E’ AMORE
Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende …non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore”. Se ti uccide …non è amore.
Nel giorno di San Valentino, in cui tutto il mondo celebra l’amore, la Polizia di Stato sceglie di stare vicina alle donne con la campagna “…questo non è amore” che prevede in tutte le province italiane camper, pullman, gazebo e altri momenti d’incontro volti a rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere, offrendo il supporto di un’equipe di operatori specializzati, in prevalenza composta di donne e formata da personale di Polizia specializzato, da medici, psicologi e da rappresentanti dei centri antiviolenza.
Un’idea, quella del progetto CAMPER contro la violenza di genere che, partito a luglio del 2016, in circa sei mesi in 22 province italiane ha consentito di contattare oltre 18.600 persone, in maggioranza donne, diffondendo informazioni sugli strumenti di tutela e di intervenire su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero potute rimanere ingabbiate nel dolore domestico.
La flessione negli ultimi due anni dei delitti tipici (dai femminicidi, alle violenze sessuali, dai maltrattamenti in famiglia agli atti persecutori) non ferma l’impegno di prevenzione: non solo perché il numero assoluto delle vittime continua ad essere inaccettabile, ma perché l’esperienza di polizia e delle associazioni da tanti anni impegnate su questi temi mostra l’esistenza di un “sommerso” che troppo spesso non si traduce in denuncia. Un quotidiano fatto di attenzioni morbose, di comportamenti aggressivi e intimidatori che vengono letti come espressione di un amore appassionato e di una gelosia innocua, anche da madri, sorelle e amiche, ma che è spesso il triste copione di un crescendo di violenza che si alimenta con l’isolamento.
Ogni tre giorni e mezzo avviene in media l’omicidio di una donna in ambito familiare o comunque affettivo, mentre ogni giorno, sempre ai danni di donne, si registrano 23 atti persecutori, 28 maltrattamenti, 16 episodi di percosse, 9 di violenze sessuali.
Questi più in dettaglio i dati di tutte le forze di polizia:
gli omicidi di donne in ambito familiare sono stati 117 nel 2014, 111 nel 2015, 108 nel 2016;
gli atti persecutori (circa il 76% in danno delle donne) 12.446 nel 2014, 11.758 nel 2015, 11.400 nel 2016;
i maltrattamenti in famiglia (circa l’81% in danno delle donne) 13.261 nel 2014, 12.890 nel 2015, 12.829 nel 2016;
le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 15.285 nel 2014, 15.249 nel 2015, 13.146 nel 2016;
le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 4257 nel 2014, 4000 nel 2015, 3759 nel 2016.
Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.
In questa prospettiva si muove l’adozione dall’inizio dell’anno del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia. Procedura che consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare. Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenza reiterate.

Related posts

A Una Montagna di Libri  CAN DüNDAr presenta ARRESTATI  (NUTRIMENTI)  Miramonti Majestic Grand Hotel  Ore 18

A Una Montagna di Libri CAN DüNDAr presenta ARRESTATI (NUTRIMENTI) Miramonti Majestic Grand Hotel Ore 18

A Una Montagna di Libri CAN DüNDAr presenta ARRESTATI (NUTRIMENTI) Miramonti Majestic Grand Hotel Ore 18 Cortina d’Ampezzo. Maggio 2015, il maggiore quotidiano turco di opposizione, lancia uno scoop che smaschera il coinvolgimento diretto della Turchia nella questione siriana. La...

Sofia Goggia speaker a TEDxCortina

Sofia Goggia speaker a TEDxCortina

La sciatrice da record Sofia Goggia si racconta a TEDxCortina La storia dello sport si fa infrangendo dei record. E Sofia Goggia, sciatrice bergamasca, classe 1992, ne ha già portati a casa almeno due: il maggior numero di punti totalizzati in Coppa del Mondo da un membro della nostra...

Delicious Trail Dolomiti: 143 pettorali al sold out  Volano le iscrizioni per il trail lungo e corto in programma a Cortina il 23 settembre

Delicious Trail Dolomiti: 143 pettorali al sold out Volano le iscrizioni per il trail lungo e corto in programma a Cortina il 23 settembre

143 pettorali al sold out per Delicious Trail Dolomiti, gara a numero chiuso di 38,5 km per 2.360 mt di dislivello positivo, in programma il prossimo 23 settembre a Pocol di Cortina D’Ampezzo, e solamente 10 pettorali per il trail corto di 21 km per 1.440 mt di dislivello. Soddisfatto...

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D’AMPEZZO CONCEDE FINANZIAMENTI A TASSI ZERO per il riacquisto e/o la ristemazione di beni mobili e/o immobili distrutti o danneggiati NEL VILLAGGIO DI ALVERA’ COLPITO DALLA FRANA.

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D'AMPEZZO CONCEDE FINANZIAMENTI A TASSI ZERO per il riacquisto e/o la ristemazione di beni mobili e/o immobili distrutti o danneggiati NEL VILLAGGIO DI ALVERA' COLPITO DALLA FRANA.

La Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d'Ampezzo, in considerazione degli eventi dannosi provocati dall'esondazione del torrente Bigontina nella notte del 5 agosto scorso, vuole dare un segnale di vicinanza alle famiglie del villaggio di Alverà colpite dalla frana. In tal senso, il Consiglio...

PROSEGUONO FINO A SABATO LE RICERCHE DI CARLA FREDDUCCI

PROSEGUONO FINO A SABATO LE RICERCHE DI CARLA FREDDUCCI

Val di Zoldo (BL), 17 - 08 - 17 A seguito del vertice tenutosi questa mattina in prefettura a Belluno, tutte le forze impegnate in questi giorni hanno deciso di proseguire almeno fino a sabato le ricerche di Carla Fredducci, l'escursionista fiorentina di cui nulla si è più saputo, dopo la sua...

ANCORA NESSUNA TRACCIA DI CARLA, OGGI  VERTICE IN PREFETTURA

ANCORA NESSUNA TRACCIA DI CARLA, OGGI VERTICE IN PREFETTURA

ANCORA NESSUNA TRACCIA DI CARLA, DOMATTINA VERTICE IN PREFETTURA Valle di Zoldo (BL), 16 - 08 - 17 Purtroppo anche le ricerche odierne hanno avuto esito negativo e nessuna traccia è stata trovata di Carla Fredducci, 58 anni, di Sesto Fiorentino (FI), l'escursionista che lunedì pomeriggio ha...

RICERCA NELLA NOTTE SUGLI SPALTI DI TORO

RICERCA NELLA NOTTE SUGLI SPALTI DI TORO

Domegge di Cadore (BL), 17 - 08 - 17 Ieri sera attorno alle 22 il 118 è stato allertato da alcuni turisti francesi, ospiti del campeggio sul lago a Vallesella, preoccupati perché 4 loro amici non erano rientrati dal giro ad anello sugli Spalti di Toro. I 4 connazionali erano partiti verso le...

RICERCA BOSCONERO ANCORA SENZA ESITO

RICERCA BOSCONERO ANCORA SENZA ESITO

Val di Zoldo (BL), 15 - 08 - 17 Sono purtroppo ancora senza esito le ricerche di Carla Fredducci, 58 anni, di Sesto Fiorentino (FI), l'escursionista che ieri pomeriggio ha contattato il 118 dicendo di essersi persa nei boschi attorno al Rifugio Bosconero e di essersi fatta male alle braccia...

BLOCCATI IN UN CANALE: INTERVENTO NELLA NOTTE A CORTINA

BLOCCATI IN UN CANALE: INTERVENTO NELLA NOTTE A CORTINA

Cortina d'Ampezzo (BL), 15 - 08 - 17 Ieri sera alle 20.20 circa un gruppo di 4 escursionisti ha contattato il 118 poiché erano rimasti incrodati alla fine della Ferrata Renè De Pol sul Forame. Dato che l'intervento dell'elicottero non era possibile, il Soccorso alpino di Cortina ha predisposto...